Olafur energia solare! Eliasson accende la Rinascente: i suoi Little Sun illuminano le vetrine lungo corso Vittorio Emanuele. Parte da Milano una campagna per l’energia pulita

“Cosa di prova a tenere il potere nelle proprie mani?”. È un Olafur Eliasson formato Daitarn 3, vigoroso e baldanzoso nel maneggiare l’energia del sole, quello che provoca la platea accorsa alla presentazione milanese di Little Sun, progetto sospeso tra arte sociale ed eco-design, che dopo le puntate all’ultima Biennale di Architettura e alla Tate […]

Olafur Eliasson con Frederik Ottesen

“Cosa di prova a tenere il potere nelle proprie mani?”. È un Olafur Eliasson formato Daitarn 3, vigoroso e baldanzoso nel maneggiare l’energia del sole, quello che provoca la platea accorsa alla presentazione milanese di Little Sun, progetto sospeso tra arte sociale ed eco-design, che dopo le puntate all’ultima Biennale di Architettura e alla Tate Modern approda al proprio più consono e naturale sbocco commerciale. In vetrina alla Rinascente, da queste ore e per tutto il periodo delle feste di fine anno: un consiglio per gli acquisti griffato, lanciato da un allestimento ammiccante, supportato dalle mai banali e sempre meritorie finalità benefiche. Con venti euro ti porti a casa il piccolo girasole giallo disegnato dall’artista ed elaborato nella parte tecnica da Frederik Ottesen; una lampada pressoché eterna, ravvivata da un pannellino fotovoltaico che con cinque ore di esposizione al sole garantisce una notte intera di luce, venduta in Occidente a un prezzo sovrastimato per poter così permettere, nei paesi in via di sviluppo, di calmierare i costi e raggiungere la più ampia delle platee possibili.
Perché ciò che per noi è un accessorio superfluo può essere determinante per migliorare la qualità della vita di oltre un miliardo e mezzo di persone, quel 20% di abitanti del pianeta che non avendo accesso diretto all’energia elettrica si arrangia con sistemi spesso pericolosi e inquinanti. Rinascente apre appositi store a Jakarta, Johannesburg, Addis Abeba, Nairobi, Yangon ed El Nido, nelle Filippine: sei piazze che ispirano le vetrine della Rinascente, altrettanti luoghi da cui partire per immaginare nuovi circoli virtuosi.

Se hai l’energia e la luce del sole in un oggetto come questo, se puoi tenerla in mano, allora hai un potere. E se hai un potere come questo sei libero”. Da artista a guru della green-economy? Eliasson parla senza mezzi termini della portata anche politica che può avere un aggeggino apparentemente innocuo come Little Sun: batte più volte con l’indice sulla lampadina e insiste nel dire che “questa è libertà!”. Pure a buon mercato. In una città già in fibrillazione per gli acquisti di Natale, così frenetica nel formicolare di pacchetti e pacchettini che non manca chi, dallo staff di Eliasson, si lascia sfuggire a mezza voce: “ma che ci fa tutta questa gente in giro? Non lavora nessuno oggi?”. Vaglielo a spiegare, ad uno che viene da un paese finito in bancarotta, il lato italiano della crisi…

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • e fare le interviste in un angolo meno rumoroso …

  • francesco sala

    un angolo meno rumoroso… alla Rinascente?!?
    c’era giusto la toilette… ma mi sembrava inelegante

  • fa sorridere questo gadget ecosostenibile dopo i milioni di kilowatt sprecati per fare cascate a new york ed altre cosette….