Miami Updates: piccole animazioni crescono. Tumblr e Paddle8 celebrano i 25 anni delle GIF animate con un festival online e una mostra. E anche il party è democratico…

La GIF animata è probabilmente il formato grafico più longevo e amato del web. Prima ancora dell’arrivo dei video, di Flash e della grafica 3D, questi piccoli e maneggevoli file permettevano agli utenti della Rete di sperimentare con l’immagine in movimento. Negli ultimi anni, poi, la GIF (acronimo di Graphics Format Interchange, un formato lanciato nientemeno […]

La GIF animata è probabilmente il formato grafico più longevo e amato del web. Prima ancora dell’arrivo dei video, di Flash e della grafica 3D, questi piccoli e maneggevoli file permettevano agli utenti della Rete di sperimentare con l’immagine in movimento. Negli ultimi anni, poi, la GIF (acronimo di Graphics Format Interchange, un formato lanciato nientemeno che nel 1987) è diventata uno strumento creativo di altissimo livello, abbracciato da artisti di ogni età e formazione.
A consacrare definitivamente la GIF come media creativo, a 25 anni dalla sua nascita, ci pensa Moving the Still, un festival internazionale, organizzato da Tumblr, popolare piattaforma statunitense di blogging, insieme a Paddle8, casa d’aste online e nascente community di collezionisti. La manifestazione, che ha reclutato artisti tramite un bando aperto lanciato lo scorso ottobre, riunisce centinaia di GIF visibili online e selezionate da una giuria composta da Inez van Lamsweerde & Vinoodh MatadinMichael StipeJames FreyNicola FormichettiRichard PhillipsRodarteRoseLee Goldberg e Ryan Trecartin.
Ma il momento clou è la mostra organizzata durante la Miami Week, in corso fino all’8 dicembre in uno spazio espositivo di oltre 3.500 metri quadri. E, in controtendenza con la maggioranza dei party che affollano quel di Miami in questi giorni, la festa di Moving the Still, prevista per stasera, venerdi 7 dicembre, sarà aperta a tutti.

– Valentina Tanni

movingthestill.tumblr.com
movingthestill.paddle8.com

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.