Lo Strillone: su Libero la vera (triste) storia della modella preferita dai preraffaelliti. E poi: cataloghi digitali per opere reali, design dall’India con furore, Permeke in mostra a Bruxelles…

È stata Ofelia per Millais e Beatrice per Dante Gabriel Rossetti. La rossa sventurata modella preraffaellita, suicida poco più che trentenne è Lizzie Siddal: una vita che diventa romanzo, edito da Odoya, scritto da una nipotina di Dickens e anticipato con dovizia di particolari da Libero. Il patrimonio delle fondazioni bancarie emiliane fruibile a tutti, ma in via […]

Quotidiani
Quotidiani

È stata Ofelia per Millais e Beatrice per Dante Gabriel Rossetti. La rossa sventurata modella preraffaellita, suicida poco più che trentenne è Lizzie Siddal: una vita che diventa romanzo, edito da Odoya, scritto da una nipotina di Dickens e anticipato con dovizia di particolari da Libero. Il patrimonio delle fondazioni bancarie emiliane fruibile a tutti, ma in via digitale: a Bologna e su Avvenire ecco il progetto “R’accolte”.

Su La Repubblica intervista a Libeskind e anticipazioni sul design indiano presto in mostra alla Triennale; il mistero della Continenza di Scipio di Van Dyck, tra falsi e autografi, al British Institute di Firenze e in una breve su Il Giornale.

Il Big Bambù degli Starn al Macro e su Il Fatto Quotidiano; Constant Permeke in mostra a Bruxelles e in prima su Italia Oggi. Arte Africana alla meneghina Galleria Milano e Salvatore Fiume in mostra al Pirellone su Quotidiano Nazionale.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.