Lo Strillone: niente Koons al Maxxi, e da Il Giornale Luca Beatrice già spara sulla Melandri. E poi Caravaggio simbolo del Natale, lettere di Van Gogh in asta, Tiepolo in mostra a Villa Manin…

  Koons fa il bidone alla Melandri, e Luca Beatrice gongola su Il Giornale: salta la mostra del re del pop prevista al Maxxi, perché? Nessuno lo sa, nessuno lo dice! Non si sbottona Salvatore Settis: il Corriere della Sera gli chiede chi vorrebbe come nuovo presidente del CER, ma il prof. – unico italiano nella […]

Quotidiani
Quotidiani

 

Koons fa il bidone alla Melandri, e Luca Beatrice gongola su Il Giornale: salta la mostra del re del pop prevista al Maxxi, perché? Nessuno lo sa, nessuno lo dice! Non si sbottona Salvatore Settis: il Corriere della Sera gli chiede chi vorrebbe come nuovo presidente del CER, ma il prof. – unico italiano nella commissione chiamata a definire la nomina – non scuce nomi.

Firmato Vincent: una breve su La Stampa per la lettera di Van Gogh battuta a Los Angeles alla cifra di 336mila dollari. Il fondo Andrea Dall’Asta, su Avvenire, assegna al Caravaggio dell’Adorazione dei pastori la palma di opera simbolo del Natale; Quotidiano Nazionale torna, con una pagina di riflessioni e commenti, sul caso dei Modigliani contraffatti dal direttore degli Archives.

Il Tiepolo di Villa Manin si prende una pagina intera su Libero; consigli inconsueti per Il Fatto Quotidiano: tutti a Catania per “Il Rito della Luce”, progetto che avvicina l’arte al mondo della scuola.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

 

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • michelangelo merisi

    E basta co sto Koons. Meno male che non si fa la mostra al Maxxi! basta!