Siamo a pochi giorni dalla fine del mondo. Quale periodo migliore per un Festival di Fantascienza? Grandi nomi a Trieste per Science Plus Fiction 2012

Una manifestazione che affonda le origini negli anni Sessanta, quando il Festival Internazionale del Film di Fantascienza attirava a Trieste personaggi del calibro di Arthur C. Clarke, Roger Corman, Forrest J. Ackerman. La svolta nel 2000, quando La Cappella Underground – Centro di ricerche e di espressioni cinematografiche decise di rilanciare il festival sotto una […]

Una manifestazione che affonda le origini negli anni Sessanta, quando il Festival Internazionale del Film di Fantascienza attirava a Trieste personaggi del calibro di Arthur C. Clarke, Roger Corman, Forrest J. Ackerman. La svolta nel 2000, quando La Cappella Underground – Centro di ricerche e di espressioni cinematografiche decise di rilanciare il festival sotto una veste innovativa con il nuovo nome Science Plus Fiction. “A pochi giorni dalla fine del mondo”, ironizzano gli organizzatori dell’evento, viene presentata l’edizione 2012, in programma dal 5 al 9 dicembre, per la prima volta presso la Sala Tripcovich, nuova centralissima location delle manifestazioni cinematografiche triestine.
Anteprime nazionali e internazionali nei generi sci-fi, fantasy e horror, tre concorsi e altri eventi collaterali, in un interessante connubio tra blockbuster e cinema d’autore che permetterà di soddisfare tutti i palati. Apre Looper di Rian Johnson, action thriller in cui Bruce Willis torna in sella alla macchina del tempo, mentre per il gran finale ci sarà l’attesissimo Holy Motors di Leos Carax, acclamato a Cannes e a Torino ma che difficilmente avremo modo di vedere in sala. In concorso registi alle loro prime prove di regia -tra cui Jon Wright, Paco Plaza, Xavier Gens e i figli d’arte Xan Cassavetes e Brandon Cronenberg– che comunque promettono di divertire sia gli appassionati che i neofiti tra vampiri, zombie e mutanti. Fuori concorso d’autore con The Fourth Dimension, un confronto sulla quarta dimensione (anche su piattaforma streaming mymovieslive! per gli assenti giustificati) firmato da Harmony Korine, Alexey Fedorchenko e Jan Kwiecinski.
Spazio-Italia ospiterà, al Teatro Miela, quattro produzioni nostrane tra cui l’imperdibile rilettura de La leggenda di Kaspar Hauser di Davide Manuli. E ancora Fantastic Shorts, Sci Fi Classix e due tavole rotonde. Parallela al festival, presso l’ex pescheria Salone degli Incanti e fino al 03 marzo 2013, la mostra L’audace Bonelli – L’avventura del fumetto Italiano. Per consultare il programma completo c’è il sito, ma si può anche scaricare la App Sciencefictionfestival sia su Apple che su Android.

– Beatrice Fiorentino

www.sciencefictionfestival.org

CONDIVIDI
Beatrice Fiorentino
Giornalista freelance e critico cinematografico, scrive per la pagina di Cultura e Spettacoli del quotidiano Il Piccolo e per diverse testate online. Dal 2008 collabora con l'Università del Litorale di Capodistria, dove insegna Linguaggio cinematografico e audiovisivo. Dal 2015 cura la sezione Nuove Impronte di ShorTS - International Film Festival e fa parte della commissione Film della Critica del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani. Cura eventi, presentazioni e rassegne cinematografiche e dal 2016 è selezionatore per la Settimana Internazionale della Critica di Venezia.