I giovani artisti incoronati della Fondazione Bevilacqua La Masa si preparano all’opening in Piazza San Marco. Ecco tutti i nomi. E intanto parte un nuovo progetto insieme a iIllycaffè

Al concorso avevano partecipato in 216, ma a spuntarla sono stati appena 21: 14 artisti e 7 grafici. Saranno loro i protagonisti della collettiva d’arte contemporanea che, annualmente, la Fondazione Bevilacqua La Masa dedica ai giovani artisti attivi sul territorio del triveneto. Un evento che ha ben 96 anni d’età, inaugurato nel 1908 e ripetuto […]

Gabriele Di Martino, Effigi II, 2012, dimensioni variabili

Al concorso avevano partecipato in 216, ma a spuntarla sono stati appena 21: 14 artisti e 7 grafici. Saranno loro i protagonisti della collettiva d’arte contemporanea che, annualmente, la Fondazione Bevilacqua La Masa dedica ai giovani artisti attivi sul territorio del triveneto. Un evento che ha ben 96 anni d’età, inaugurato nel 1908 e ripetuto con ritmo costante, con le uniche pause relative ai periodi bellici.
In giuria c’erano Andrea Bruciati, Stefano Chiodi, Cristiana Collu, Vincenzo De Bellis, Lara Favaretto, Michael Fliri e Angela Vettse, naturalmente, nel ruolo di presidente.  E se tutti i vincitori – Valentina Calzavara, Alessia Cargnelli, Enzo Comin, Gabriele Di Martino, Valentina Furian, Enej Gala, Marco Gobbi, Andrea Magaraggia, Rachele Maistrello, Ornaghi & Prestinari, Daniele Sambo, Giovanni Sartori, Hsing Chun Shih, Emilio Vavarella – si godranno il loro momento, festeggiando  il prossimo 15 dicembre con un super opening negli spazi della Galleria di Piazza San Marco, solo tre di loro riceveranno un riconoscimento importante: durante la cerimonia d’inaugurazione saranno infatti comunicati i nomi degli assegnatari delle tre borse di studio conferite dalla Fondazione. Il premio? Oltre a una cifra in denaro anche la possibilità di esporre nuovamente il prossimo anno, grazie a una mostra dedicata. Amedeo Abello s’è invece guadagnato il premio per la proposta grafica, del valore di 1000 euro: suo è infatti il progetto per l’invito, il manifesto e la copertina del catalogo della 96ma Collettiva Giovani Artisti.

Uno degli studi all’Atelier Bevilacqua La Masa

Ma l’impegno della Fondazione per lo scouting prosegue, con nuovi format e nuove iniziative. L’ultima si sviluppa nell’ambito del progetto illy SustainArt, dedicato alla promozione e valorizzazione dell’arte dei Paesi emergenti. Da oggi i curatori e gli artisti iscritti alla piattaforma www.illysustainArt.org potranno contendersi una residenza studio della durata di tre mesi, fissata tra agosto a ottobre 2013, naturalmente presso la BLM. Il residente lavorerà a stretto contatto con gli altri giovani assegnatari degli studi. A disposizione ci sarà per lui, oltre a una guest room nella foresteria di Palazzo Carminati, anche un atelier tutto suo, all’interno del complesso di SS.Cosma e Damiano nell’isola della Giudecca: qui, grazie a una serie di studio visit, sarà garantito il confronto con giornalisti, critici e curatori del settore, sia indipendenti che legati a importanti istituzioni internazionali, dal  Palais de Tokyo al Camden Arts Centre, fino al Künstlerhaus Bethanien.
La giuria, presieduta da Michelangelo Pistoletto,  vede impegnati i curatori Meskerem Assegued (Etiopia), Carlos Basualdo (Argentina), Suman Gopinath (India), Gerardo Mosquera (Cuba), Mariangela Mendez Prencke (Colombia), oltre ad Angela Vettese e Carlo Bach, direttore artistico illycaffè.

– Helga Marsala

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.