Con la testa… tra le nuvole? Tutt’altro: l’arte italiana, all’estero, a volte sa farsi rispettare. E tra i maestri dell’Impressionismo, per “Clouds” in mostra al Leopold Museum, spuntano i Masbedo

C’è Van Gogh e pure Dalì. Ci sono Turner, Klimt, Cézanne e Monet. E poi ancora Schiele, Ensor e Munch; Courbet, Kiefer e Magritte. Sembra un bigino di storia dell’arte: invece è il parterre de roi della mostra in fase di preparazione al Leopold Museum di Vienna, sede istituzionale dalla solidità teutonica e dal prestigio […]

Masbedo - Ash

C’è Van Gogh e pure Dalì. Ci sono Turner, Klimt, Cézanne e Monet. E poi ancora Schiele, Ensor e Munch; Courbet, Kiefer e Magritte. Sembra un bigino di storia dell’arte: invece è il parterre de roi della mostra in fase di preparazione al Leopold Museum di Vienna, sede istituzionale dalla solidità teutonica e dal prestigio indiscutibile; che accoglie da fine marzo fino al mese di luglio Clouds, indagine su un paesaggio guardato con gli occhi all’insù, partendo dal Romanticismo di un Caspar David Friedrich fino al presente di Gehrard Richter.
E l’Italia? Ce l’abbiamo un tricolore da far sventolare nel cielo di Vienna, tra Impressionisti, Espressionisti, Secessionisti e compagnia cantante? Ne abbiamo ben due: Giovanni Segantini un po’ te lo potevi aspettare, considerato un taglio critico che guarda decisamente a un rassicurante  passato e si concede poche scorribande nel contemporaneo. Dove spunta, e sta qui la piacevole sorpresa, il nome di Masbedo: prima esperienza del duo milanese in un’istituzione pubblica di questo livello, premio ad una carriera che negli ultimi anni è sembrata in ascesa verticale.
Nelle sale del Leopold arriva l’inquieto ed onirico Ash, videoinstallazione su due schermi vincitrice nel 2010 del Premio Cairo. Nubi tossiche si offuscano sull’orizzonte dello schermo; su quello di Masbedo, con questa chiamata, splende invece il più corroborante sereno.

Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • diego

    Beh, complimenti ai masbedo. Ho un commento sulla scrittura però: sarò irritante e parziale ma.. “Ascesa verticale”? Ma quando mai un’ascesa è stata orizzontale? Magari ascesa vertiginosa, ascesa velocissima, ascesa fulminante. Ascesa verticale è un po’…pleonastico. Editing su Artribune? Ok la velocità di internet, ma preferisco una lingua più fluida e pensata. Tanto per distinguerci dal pressapochismo linguistico che va per la maggiore da repubblica.it in giù.

  • Giorgia Stenni

    La realtà piu’ interessante dell’arte italiana.

  • Chico

    per completezza di informazione alla stessa mostra è stato invitato a partecipare anche Giacomo Costa.
    Riguardo ad altri eventuali artisti italiani non ho informazioni ma non lo escluderei.