Camminando con la testa “In aria”. Alitalia trasforma il suo spazio di Piazza di Spagna in un luogo per l’arte. Le prime cinque mostre le cura Contrasto. Il tema? Il volo, naturalmente

Si parte da una galleria di fotografie dedicate alle “Giostre” di varie città del mondo, in un turbinio di colori che celebra l’ebbrezza di un volo breve, fantastico, accelerato; poi la serie “Dall’alto, dal basso. I grattacieli di Abu Dhabi”: autori internazionali che raccontano per immagini la verticalità della sfarzosa capitale degli Emirati Arabi; e […]

Irene Kung, Daydream - Nuvole 2, 2011- D-print on rag paper, particolare - Valentina Bonomo Gallery, Roma

Si parte da una galleria di fotografie dedicate alle “Giostre” di varie città del mondo, in un turbinio di colori che celebra l’ebbrezza di un volo breve, fantastico, accelerato; poi la serie “Dall’alto, dal basso. I grattacieli di Abu Dhabi”: autori internazionali che raccontano per immagini la verticalità della sfarzosa capitale degli Emirati Arabi; e ancora le “Nuvole” inedite dell’artista svizzera Irene Kung, le “Mongolfiere” di Massimo Siragusa e infine “Jump”, mostra del collettivo fotografico Reuters, che esplora l’universo del parkour tra le acrobazie, i salti e le piroette aree di un popolo di atleti metropolitani.
È questo “In aria“, il programma che la storica agenzia Contrasto ha immaginato per Alitalia: cinque piccole, preziose mostre costruite intorno al tema del volo, dell’aria e dell’altitudine. Ognuna della durata di un mese, tutte con ingresso gratuite, si alterneranno a ruota all’interno dello SpazioAlitalia di Piazza di Spagna, a Roma. Una location prestigiosa, il cui design industriale e postmoderno gioca, nella struttura e nei dettagli, con immagini ed evocazioni legati all’esperienza del volo. Qui, tra immagini e contenuti video, si racconta la storia della Compagnia aerea italiana, dalla sua nascita fino alle ultime evoluzioni.

Giostre di notte, Monaco, Oktoberfest – novembre 2007 – © Dorothea Schmid/Lai

A partire dal prossimo 4 dicembre e fino a settembre 2013, Alitalia prova dunque a lanciare e far conoscere il suo piccolo quartier generale capitolino, pensato come luogo di promozione e di accoglienza, per un pubblico da intercettare, coccolare, incuriosire, fidelizzare. Strategie di marketing, concretissime, ma con la testa sempre all’insù. Ricordando le parole di Leonardo che l’azienda fa proprie, usandole come azzeccatissimo claim: “Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perché è là che siete stati ed è là che vorrete tornare.”

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • ale forte

    Piazza di spagna pur essendo luogo d arte nn ha molte gallerie. Vediamo se l
    Altallia colmera’ questa lacuna…