Verso il Museo del Violino, Cremona svela L’anima della musica secondo Jaume Plensa. Quattro metri di altezza per la scultura del catalano: che replica all’ombra del Torrazzo il celebre Nomade di Antibes

Se ne sta lì, accovacciato nella corte del Palazzo dell’Arte di Cremona, sede dell’ormai imminente Museo del Violino. È alto all’incirca quattro metri: un gigante senza volto, comodamente appoggiato al suolo, vestito solo di un ricamo in acciaio. La pelle un pentagramma, fittamente tatuato di note e chiavi. Così L’anima della musica nella personificazione di Jaume Plensa: è […]

Lo svelamento dell'opera di Plensa per Cremona

Se ne sta lì, accovacciato nella corte del Palazzo dell’Arte di Cremona, sede dell’ormai imminente Museo del Violino. È alto all’incirca quattro metri: un gigante senza volto, comodamente appoggiato al suolo, vestito solo di un ricamo in acciaio. La pelle un pentagramma, fittamente tatuato di note e chiavi. Così L’anima della musica nella personificazione di Jaume Plensa: è lo stesso artista catalano – a breve su Artribune un’ampia intervista con lui – a svelare la scultura che segna una nuova tappa di avvicinamento della città all’apertura del nuovo spazio espositivo. Un evento fissato per la prossima primavera e al quale pare ormai certo parteciperà – da queste parti ci tengono assai – il Presidente della Repubblica: la posa dell’opera di Plensa, insieme a quella del Suono d’acciaio disegnato da Helidon Xhixha per l’antistante piazza Marconi, fa da ideale apripista per un appuntamento più che atteso.
L’opera si inserisce in quel filone inaugurato cinque anni fa con il Nomade di Antibes e replicato a Saragoza con El alma del Ebro: la figura dell’uomo seduto, le ginocchia al petto, è ormai marchio di fabbrica della recente produzione di Plensa, ben noto per accompagnare con la sua multimediale Crown Fountain la “nuvola” di Kapoor a Chicago. Variazione sul tema, questa volta, il doveroso richiamo alla musica: la pelle della statua, in altre occasioni tessuta di una complessa trama di lettere in acciaio, si tramuta in un avvolgente pentagramma costellato di note e chiavi. Per un risultato che, a maggior ragione grazie alla furbesca illuminazione nelle ore serali, guadagna se possibile in termini di fascino e suggestione. Ai detrattori il compito di ironizzare su uno sforzo concettuale certo non sovraumano; chiaro punto a favore dell’operazione, invece, la capacità di una città ai margini dell’impero economico e produttivo di riconoscere, volere e ottenere il contributo di un grande del contemporaneo. Di questi tempi non è cosa da poco.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.