Metti un museo tra la montagna e il cielo, sospeso sul lago. L’edificio di Mauro Turin celebra i vigneti nei dintorni di Ginevra. Quando l’immaginazione decide di sfidare il paesaggio

All’inizio era solo un’idea, un’immagine mentale, il progetto di un’utopia. Così Mauro Turin, architetto svizzero, concepì il suo Museo del Vino di Lavaux, regione elvetica celebre per i rigogliosi vigneti terrazzati.  A lanciare la sfida fu il design magazine  Hochparterre, che ospita una bella rubrica dedicata ai progettisti con la voglia di raccontare un sogno: […]

Museo del Vino, Lavaux, Svizzera - by Mauro Turin

All’inizio era solo un’idea, un’immagine mentale, il progetto di un’utopia. Così Mauro Turin, architetto svizzero, concepì il suo Museo del Vino di Lavaux, regione elvetica celebre per i rigogliosi vigneti terrazzati.  A lanciare la sfida fu il design magazine  Hochparterre, che ospita una bella rubrica dedicata ai progettisti con la voglia di raccontare un sogno: idee in libertà, a metà tra calcolo e immaginazione.
Turin si inventa questo spazio espositivo e il successo arriva presto, inatteso: se ne parla, la cosa inizia a rimbalzare, dalle pagine dei giornali agli uffici delle istituzioni, passando per la critica, gli esperti, i cittadini stessi. Il museo del vino piace, convince, è un po’ bizzarro, sicuramente ardito, ma pare fatto apposta per quei luoghi, destinato ad accogliere il passo e lo sguardo di turisti e residenti. Un museo impossibile, landmark per una veduta utopica.

Il paesaggio di Lavaux, in Svizzera

Seducente il concept: un corpo architettonico che si radica nella montagna, agganciato alla roccia solo da un lato, come un rilievo plastico, una metastasi geometrica, un proseguimento innaturale ma armonico del paesaggio. L’altro coté dell’edificio, invece, si tuffa nel vuoto, semplicemente. Senza appiglio, senza il suolo a sorreggerne pareti e struttura, la struttuta si allunga in direzione dell’infinito, tramite una passerella di vetro. Proiettandosi verso le Alpi e puntando al Lago Lemano.  Architettura attrattiva, capace di richiamare le masse turistiche, il museo è una gemma incastonata tra le vette alpine, che valorizza ulteriormente una zona dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Oggi il progetto rischia davvero di trovare una possibilità concreta di sviluppo: l’intenzione di costruirlo c’è tutta e gli architetti dello studio Turin sono a lavoro per elaborare quel primo studio pubblicato su una rivista , preparandosi alla fase operativa.  Intanto, anche solo a guardare i randering, la voglia di farsi un viaggetto fin lassù viene eccome. Una passeggiata tra la montagna e il cielo, con i piedi nella roccia e la testa tra le nuvole.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.