Lo Strillone: un’isola artificiale al largo della Romagna, su Corriere della Sera il turismo alla maniera degli sceicchi. E poi il nuovo studio di Ontani, Leopardi e Toscanini all’asta, Warhol inediti…

La liuteria di Cremona patrimonio dell’umanità? Sensazioni positive, secondo Il Giornale, dalle segrete stanze dell’UNESCO. A cui bisognerebbe chiedere un commento sulla futura isola artificiale, mecca di un turismo da nababbi, che una cordata di sceicchi pensa di realizzare tre miglia al largo dalla Riviera romagnola: ricche anticipazioni su Corriere della Sera. Dove trovano ampio […]

Quotidiani
Quotidiani

La liuteria di Cremona patrimonio dell’umanità? Sensazioni positive, secondo Il Giornale, dalle segrete stanze dell’UNESCO. A cui bisognerebbe chiedere un commento sulla futura isola artificiale, mecca di un turismo da nababbi, che una cordata di sceicchi pensa di realizzare tre miglia al largo dalla Riviera romagnola: ricche anticipazioni su Corriere della Sera. Dove trovano ampio risalto il nuovo studio di Luigi Ontani e il neoclassicismo di Gérard.

Sotheby’s parla italiano. Anche a Londra: una breve su Avvenire per l’esito dell’asta che metteva all’incanto autografi di Leopardi e Toscanini. Quotidiano Nazionale puntualizza che le carte del poeta sono state aggiudicate a collezionisti stranieri; il MiBAC si porta a casa quelle del musicista per 56mila euro. Sempre su QN ecco Philippe Daverio: anticipazioni dal suo Il museo immaginato fresco di stampa per Rizzoli.

Inedito Warhol su Sette: scoperti in Germania trecento disegni del papà della pop-art, che si scopre fan insospettabile di Guido Reni; Celant consiglia Garutti: la mostra al PAC di Milano nelle segnalazioni su L’Espresso. A Milano pure Panorama: riflessioni di Francesco Bonami a margine della Pietà Rondanini traslata a San Vittore.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.