Alla LUISS risponde lo IULM. Stavolta a Roma è alla Centrale Montemartini la mostra conclusiva del Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali

Giusto un paio di giorni fa vi parlavamo di Catarifrangenze. Artisti a confronto, mostra ideata a Roma negli spazi della Pelanda dagli allievi della seconda edizione del LUISS Master of Art. Ora, quasi a ristabilire un curioso equilibrio universitario, ci si sposta alla Centrale Montemartini, sempre a Roma, dove l’esposizione 3D. Dimensione. Distorsione. De Kerckhove […]

Giusto un paio di giorni fa vi parlavamo di Catarifrangenze. Artisti a confronto, mostra ideata a Roma negli spazi della Pelanda dagli allievi della seconda edizione del LUISS Master of Art. Ora, quasi a ristabilire un curioso equilibrio universitario, ci si sposta alla Centrale Montemartini, sempre a Roma, dove l’esposizione 3D. Dimensione. Distorsione. De Kerckhove conclude la seconda edizione del Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali, dell’Università IULM.
Organizzata in collaborazione con Fondazione Roma e Zètema Progetto Cultura, l’iniziativa vede gli studenti gestire in prima persona la realizzazione dell’esposizione, dalla fase di ideazione, con la scelta delle opere, alla comunicazione e promozione. Fil rouge del percorso espositivo è la terza dimensione: “partendo da alcune esperienze artistiche e dalle teorie scientifiche più importanti, nel campo delle percezioni e delle distorsioni visive, si arriva alle riflessioni sulla tridimensionalità fatte da Derrick De Kerckhove”. Presenti in mostra 14 ritratti fotografici di personalità incontrate da De Kerckhove nel corso della sua carriera: filosofi, artisti e teorici legati alla comunicazione visiva. L’apertura al pubblico è dal 7 all’11 novembre: Artribune però si è infiltrata alla preview, ecco qualche immagine…

www.mostra3D.com


CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.