Verona Updates: venghino signori, venghino! Nel luna park di Laurina Paperina ospiti d’eccezione: che posano per Artribune

Una tavolona di compensato, popolata degli innocui mostriciattoli che animano il suo immaginario visivo. Due fori al centro, l’invito a metterci…  la faccia, e a regalarsi un colorato souvenir da Verona. Laurina Paperina toglie l’apposizione “arte” al concetto di “fiera” e avvicina ArtVerona alla più chiassosa e luminosa fiera di paese. Il suo intervento per […]

Massimo Simonetti, direttore artistico ArtVerona con Roberto Casiraghi

Una tavolona di compensato, popolata degli innocui mostriciattoli che animano il suo immaginario visivo. Due fori al centro, l’invito a metterci…  la faccia, e a regalarsi un colorato souvenir da Verona. Laurina Paperina toglie l’apposizione “arte” al concetto di “fiera” e avvicina ArtVerona alla più chiassosa e luminosa fiera di paese. Il suo intervento per lo Studio d’Arte Raffaelli trascina in un’atmosfera da puro luna-park, alla quale nessuno – pare – riesce a sottrarsi. Ecco allora l’esclusiva gallery di Artribune, che accompagna (in qualche caso… trascina!) alcuni tra ospiti e avventori dell’art-world alla prova della Paperina. Dal severo Giorgio Fasol, ad Angela Madesani; da Lino Baldini a Roberto Casiraghi. Con Andrea Bruciati e Lorenzo Bruni che scelgono di farsi ritrarre anche “sul retro”…
Partecipa al gioco anche Joaquin Diez Cascon, direttore della Fiera di Barcellona. A Verona in veste di collezionista, ma anche – si dice – per lanciare un ponte verso l’ente scaligero. “Ero incuriosito da un evento del genere ospitato in una città con queste caratteristiche, là dove siamo soliti pensare a certi appuntamenti legati prevalentemente a grandi città”. E quali sensazioni ha tratto? “Molto buone. Soprattutto dalla sezione Independents”.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.