Un “prestito” d’arte e bellezza, che dura un solo giorno. Banche aperte di sabato: è l’undicesima edizione di Invito a Palazzo

L’edizione 2012 si arricchisce di otto nuovi partecipanti, con location prestigiose come le Gallerie d’Italia di Piazza Scala, a Milano, nei bellissimi Palazzi Anguissola e Brentani, come l’edificio neo-cinquecentesco di Palazzo Paolozzi a Chiusi, o il settecentesco Palazzo Pagliacci, a Viterbo. Nello stesso 6 ottobre in cui si celebra la Giornata del Contemporaneo – e […]

Un Paesaggio di Giorgio Morandi, esposto a Milano nella Quadreria Contemporanea di UniCredit, a Palazzo Cordusio

L’edizione 2012 si arricchisce di otto nuovi partecipanti, con location prestigiose come le Gallerie d’Italia di Piazza Scala, a Milano, nei bellissimi Palazzi Anguissola e Brentani, come l’edificio neo-cinquecentesco di Palazzo Paolozzi a Chiusi, o il settecentesco Palazzo Pagliacci, a Viterbo. Nello stesso 6 ottobre in cui si celebra la Giornata del Contemporaneo – e a Roma anche la Notte dei Musei: ma impareremo mai a fare sistema in Italia? -, va in scena l’undicesima edizione di Invito a Palazzo, manifestazione promossa dall’Abi che ogni anno apre al pubblico le sedi storiche delle banche italiane.
92 i palazzi coinvolti, in 51 città, per un evento che in dieci edizioni ha visto partecipare cento banche con 218 palazzi aperti in 105 città, richiamando oltre 900mila visitatori. “Dall’architettura rinascimentale alle forme del barocco, dalle eleganti dimore settecentesche immerse in parchi secolari alle atmosfere neoclassiche, fino ai palazzi recentemente commissionati dalle banche ai più affermati architetti contemporanei”. Nel link in basso, tutti i dettagli per rispondere all’invito…

palazzi.abi.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.