L’Italia si fa bella, col design. Finissage a Mosca per la mostra sul made in Italy. Exhibitaly, piattaforma di promozione, scommette sulla Russia. Ecco un album zeppo di foto

E se sul fonte dell’arte contemporanea l’Italia non è che brilli troppo per successi e presenze internazionali, nel campo del design non mancano i riscontri: vero punto di forza dell’industria creativa nazionale – dal fashion all’home dècor – il made in Italy resta la carta vincente, nonostante la crisi. Così, tra l’11 e il 28 […]

"Welcome to design", exhibition view

E se sul fonte dell’arte contemporanea l’Italia non è che brilli troppo per successi e presenze internazionali, nel campo del design non mancano i riscontri: vero punto di forza dell’industria creativa nazionale – dal fashion all’home dècor – il made in Italy resta la carta vincente, nonostante la crisi.
Così, tra l’11 e il 28 ottobre, lo spazio di archeologia industriale Krasny Oktyabr, a Mosca, ha ospitato “Welcome to design”, una mostra dedicata al design, l’arredamento e l’architettura:  il best of della produzione storica e contemporanea italiana viene presentato nell’ambito di “Exhibitaly – Eccellenze italiane dʼoggi”, kermesse che punta sulla promozione delle eccellenze italiane in Russia, partita lo scorso 12 settembre e in corso fino al 6 gennaio 2013.
Il taglio della mostra? Tradizione e innovazione, descrivendo un’avanguardia che passa, sempre, attraverso le radici di un passato esaltante, importante. Cifra tipicamente italiana. Stile, originalità, tecnologia, prospettiva storica, gusto per la citazione, qualità della vita, identità e contaminazione: i brand ospitati portano in alto la bandiera creativa italiana, raccontando la vicenda di un solido e antico asset di crescita e sviluppo, esploso nel secondo dopoguerra e ancora capace di difendersi. Strategico, in tal senso, il mercato russo, nell’ottica di un rafforzamento dell’export: “Exhibitaly”, in tal senso, rappresenta una valida iniziativa plurisettoriale di promozione.
Il finissage domenicale lo anticipiamo noi, per tutti i lettori, con una ampia gallery fotografica. Se eravate troppo lontani da Mosca, provate a farvi un’idea…

– Helga Marsala

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.