Così nasce un grande evento. Degas alla Promotrice delle Belle Arti di Torino: tante foto del backstage, dal trasporto all’allestimento

Tutti noi vediamo sempre il risultato finale, con le sale tirate a lucido e le opere – non sempre, ma questo è un altro discorso – perfettamente allestite. Ma dietro a un grande evento – come la mostra Degas. Capolavori dal Musée d’Orsay, che apre al pubblico domani 18 ottobre alla Società Promotrice delle Belle […]

Degas. Capolavori dal Musée d'Orsay, ultimi ritocchi alle teche (foto Gianluca Platania - www.comune.torino.it)

Tutti noi vediamo sempre il risultato finale, con le sale tirate a lucido e le opere – non sempre, ma questo è un altro discorso – perfettamente allestite. Ma dietro a un grande evento – come la mostra Degas. Capolavori dal Musée d’Orsay, che apre al pubblico domani 18 ottobre alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino, curata da Xavier Ray – c’è tutto un incastrarsi di operazioni chirurgiche, tanto più meticolose quanto più preziose sono le opere esposte (ed onerose le assicurazioni). Ispezione sullo stato dell’opera prima della spedizione e poi dopo la consegna, imballaggi, apertura delle casse, scelta dei supporti espositivi, a tanti altri adempimenti, che vedono all’opera personale superspecializzato quasi sempre nell’ombra del backstage. Perché allora non buttarci uno sguardo, approfittando anche per una piccola anteprima degli ottanta capolavori di Degas? Prendiamo a prestito le immagini di Gianluca Platania per la redazione web del portale www.comune.torino.it, a voi la gallery…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • ToVe

    Mi è venuta voglia di andare a questa mostra alla fin fine

  • GMG

    Fidati ne vale la pena.
    E lo dice uno che ha lavorato all’ allestimento.
    Veramente bella GMG