Ancora in tour per grandi mostre con Artribune. Si passa all’antica Roma, ai Musei Capitolini: primissime immagini de L’Età dell’Equilibrio

Da Vicenza a Roma, dall’arte moderna all’arte antica. Ancora una visita in anteprima, per i lettori di Artribune: lasciati i trionfi palladiani – ma ci torneremo presto -, arriva una full immersione nell’antica Roma. La grande mostra si intitola L’Età dell’Equilibrio. Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marco Aurelio, è allestita ai Musei Capitolini ed è il […]

L’Età dell’Equilibrio, Musei Capitolini, Roma (foto Claudia Mariani)

Da Vicenza a Roma, dall’arte moderna all’arte antica. Ancora una visita in anteprima, per i lettori di Artribune: lasciati i trionfi palladiani – ma ci torneremo presto -, arriva una full immersione nell’antica Roma. La grande mostra si intitola L’Età dell’Equilibrio. Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marco Aurelio, è allestita ai Musei Capitolini ed è il terzo appuntamento de I Giorni di Roma, progetto quinquennale di mostre dedicate appunto alla lunga storia di Roma, dall’epoca repubblicana fino all’epoca tardo-antica. Stavolta il periodo storico messo sotto osservazione – di grande splendore artistico e di grande equilibrio politico – è quello 98-180 d.C.: dal principato di Traiano a quello di Marco Aurelio. Da vedere imponenti statue in marmo, opere in bronzo, interi cicli scultorei, fregi ed elementi di arredo domestico in bronzo e argento: al pubblico si apre domani, fino al 5 maggio 2013, ma noi vi anticipiamo qualche immagine degli allestimenti…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.