Montpellier sugli scudi, anche per l’architettura. Dopo il Liceo di Fuksas, vede la luce l’edificio Pierres Vives di Zaha Hadid

Festa grande, in questi giorni, per la città di Montpellier. Dopo essere stata inserita dal New York Times nella sua lista dei migliori 45 luoghi da visitare nel 2012, e dopo la recente realizzazione del Liceo alberghiero Georges-Frêche ad opera dello studio Fuksas, ora è la volta di un altro traguardo. Si inaugura infatti l’ultima […]

Festa grande, in questi giorni, per la città di Montpellier. Dopo essere stata inserita dal New York Times nella sua lista dei migliori 45 luoghi da visitare nel 2012, e dopo la recente realizzazione del Liceo alberghiero Georges-Frêche ad opera dello studio Fuksas, ora è la volta di un altro traguardo. Si inaugura infatti l’ultima creatura di Zaha Hadid, il Pierres Vives, edificio multifunzione dove diverse attività sono unificate nello stesso corpo. Un archivio, una libreria, il dipartimento sportivo e diversi uffici.
Su iniziativa dell’Hérault – dipartimento a sud della Francia – nel 2002 viene lanciato il concorso vinto dall’anglo-irachena più famosa dello star system, con l’idea di dare un impulso vitale al quartiere in divenire. Un grande blocco di cemento, acciaio e vetro dove gli elementi si rincorrono, si compenetrano, intersecandosi, fondendosi e amalgamandosi, talvolta scontrandosi e piegandosi l’uno dentro l’altro. Ma cosa rende il Pierres Vives eccezionale? L’edificio è nato da un’iniziativa pubblica, e da questo dipendono i dieci anni occorsi per la realizzazione. La stessa media italiana, ma con un risultato formale e una qualità realizzativa impensabili nel nostro paese…

– Zaira Magliozzi

 

CONDIVIDI
Zaira Magliozzi
Architetto, architecture editor e critico. Dalla sua nascita, fino a Marzo 2015, è stata responsabile della sezione Architettura di Artribune. Managing editor del magazine di design e architettura Livingroome. Corrispondente italiana per la rivista europea di architettura A10. Dal 2006 cura la rubrica “Corrispondenze” nella rivista presS/Tletter. Pr e project manager di progetti dedicati alla comunicazione del design e dell’architettura per l’agenzia di comunicazione SignDesign. Ha scritto per The Architectural Review, L’Arca, Il Giornale dell’Architettura, Il Gambero Rosso, Compasses, Ulisse e Quaderno di Comunicazione. Membro del Consiglio direttivo di IN/ARCH Lazio. Dal 2009 fa parte del laboratorio presS/Tfactory, legato all’AIAC - Associazione Italiana di Architettura e Critica - per l’organizzazione di eventi, workshop, concorsi, corsi, mostre e altre iniziative culturali legate al mondo dell’architettura.