Metti una domenica a Bergamo: tutti in fila per il giardino di Piazza Vecchia, tra cultura del paesaggio e buone pratiche…

Non conoscendo il dialetto bergamasco ripieghiamo su un più ecumenico napoletano: basta poco, che cce vò! Città Alta, nei fine settimana, si anima per l’immancabile struscio e attira il garbato piccolo turismo del fuori porta; code alla funicolare e bagno di folla tra i pietrosi vicoli del centro, però, non ce li aspettavamo. È stato […]

Non conoscendo il dialetto bergamasco ripieghiamo su un più ecumenico napoletano: basta poco, che cce vò! Città Alta, nei fine settimana, si anima per l’immancabile struscio e attira il garbato piccolo turismo del fuori porta; code alla funicolare e bagno di folla tra i pietrosi vicoli del centro, però, non ce li aspettavamo. È stato sufficiente alzare il sipario sulla seconda edizione de I maestri del Paesaggio, board di lavoro per esperti del settore, perché la città della Dea traboccasse di visitatori.
Preso d’assalto il giardino allestito in Piazza Vecchia, come pure le altre piccole isole verdi seminate per il centro; mentre paesaggisti da tutta Europa si davano appuntamento tra workshop e seminati, condividendo buone pratiche per disegnare città più verdi e sostenibili, i “non addetti” si sono lasciati incantare – nella meravigliosa Aula Picta – dagli scatti che concorrono all’International Garden Photographer of the Year.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.