Falò galleggianti, musiche, coreografie. Sul Tevere, dal tramonto a mezzanotte. Arriva a Roma lo spettacolare evento WaterFire di Barnaby Evans

Un grande spettacolo di arte pubblica presentato con un’installazione sull’acqua e sugli argini del fiume, “con lo scopo di valorizzare e trasformare in maniera creativa le aree fluviali”. Fiume? Sì, il Tevere: l’evento di cui si parla è infatti WaterFire Roma, che ripropone in Italia la manifestazione che il suo creatore, l’americano Barnaby Evans, allestì […]

Un grande spettacolo di arte pubblica presentato con un’installazione sull’acqua e sugli argini del fiume, “con lo scopo di valorizzare e trasformare in maniera creativa le aree fluviali”. Fiume? Sì, il Tevere: l’evento di cui si parla è infatti WaterFire Roma, che ripropone in Italia la manifestazione che il suo creatore, l’americano Barnaby Evans, allestì diciotto anni fa per la prima volta nella città di Providence (Rhode Island, USA) e che da allora viene ripetuta stagionalmente. Falò galleggianti che bruciano dal tramonto a mezzanotte, fluttuanti sulle acque, accompagnati da musiche e coreografie.
Ora dunque sbarca – letteralmente – a Roma, dove lo spettacolare progetto sarà di scena tra Ponte Sisto e Ponte Mazzini, venerdì 21 e sabato 22 settembre, a partire dalle ore 19 fino a mezzanotte. Lo stesso tratto di fiume che nel 2009 fece da scenografia al progetto Trilogia forme di lupa nel tempo, dell’artista americana rome based Kristin Jones. Ideato e diretto dallo stesso Barnaby Evans, si avvale della partnership dell’Associazione Tevereterno Onlus – fondata dalla stessa Kristin Jones – e dell’organizzazione di Pino Fortunato. Presentazione mercoledì 19 settembre alle 12 al Maxxi.

www.waterfire.tv

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • il video ora non funziona… sight!

  • giovanni

    Serata di grande atmosfera! complimenti a Barnaby Evans.
    Incoraggiare iniziative di questo genere, ne guadagnano le città e lo spirito di chi ha la fortuna di assistervi.
    giovanni