Arte emergente, Fotografia contemporanea. Ultimi giorni per concorrere in Veneto al Premio Francesco Fabbri per le arti contemporanee

Le opere finaliste saranno esposte nella mostra collettiva a Villa Brandolini a Pieve di Soligo, nel trevigiano, ed i due vincitori riceveranno un premio di 4mila euro, ai quali si affiancheranno le menzioni della giuria. Si articola in due sezioni, per motivi diversi, centralissime, nelle attuali dinamiche della creatività, come Arte emergente e Fotografia contemporanea, […]

Villa Brandolini a Pieve di Soligo, sede della mostra collettiva del Premio Francesco Fabbri

Le opere finaliste saranno esposte nella mostra collettiva a Villa Brandolini a Pieve di Soligo, nel trevigiano, ed i due vincitori riceveranno un premio di 4mila euro, ai quali si affiancheranno le menzioni della giuria. Si articola in due sezioni, per motivi diversi, centralissime, nelle attuali dinamiche della creatività, come Arte emergente e Fotografia contemporanea, il Premio Francesco Fabbri per le arti contemporanee, che da tempo ancora fino al 16 settembre per accettare le iscrizioni dei candidati.
Uno strumento di indagine e promozione della contemporaneità visiva internazionale nelle sua varie  sfaccettature e declinazioni”: così si presenta il riconoscimento, che si pone come una delle tante caselle che fanno del panorama veneto uno dei più brillanti della realtà italica, anche per capillarità territoriale. La giuria è formata da Antonio Arèvalo, Daniele Capra, Martina Cavallarin, Valerio Dehò, Luica Panaro, Stefania Rössl, Carlo Sala, Alessandro Trabucco e Francesco Zanot.

www.fondazionefrancescofabbri.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Mi domando se il criterio di questo concorso è che per ogni opera presentata bisogna pagare 30 € … senza limiti al numero delle opere da presentare…