Art Digest: Francis Bacon al passo dell’oca. Gehry? Ha un disegno per Facebook. Ai Weiwei e “la culona” sottobraccio

Heil Francis. Nelle sue opere degli anni Quaranta, Bacon si nutrì ripetutamente dell’immaginario nazista, essendone ampiamente influenzato. Lo sostiene in un libro Martin Hammer, professore presso l’Università del Kent… (abc.es) Sarà il più grande open-space al mondo, e dovrà ospitare 2.800 ingegneri. Per niente spaventato dagli insuccessi a Wall Street, Mark Zuckerberg pensa in grande, […]

Il post di Ai Weiwei girato via Twitter

Heil Francis. Nelle sue opere degli anni Quaranta, Bacon si nutrì ripetutamente dell’immaginario nazista, essendone ampiamente influenzato. Lo sostiene in un libro Martin Hammer, professore presso l’Università del Kent… (abc.es)

Sarà il più grande open-space al mondo, e dovrà ospitare 2.800 ingegneri. Per niente spaventato dagli insuccessi a Wall Street, Mark Zuckerberg pensa in grande, e a progettare il nuovo campus di Facebook chiama Frank Gehry… (dezeen.com)

Sto portando Angela Merkel a mangiare”. E allegata una foto, dove lo si vede con un’immagine della cancelliera sotto braccio. Lui è Ai Weiwei, e questa è la sua ultima provocazione, veicolata via Twitter… (eluniversal.com.mx)

Che ci fanno 60mila persone, per un’intera settimana, riunite sotto il cielo – ma anche sotto il sole – del deserto del Nevada? Ci fanno l’edizione numero 26 di Burning Man, folle festival a cavallo fra arte, performance e musica… (guardian.co.uk)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.