Anche per le istituzioni è tempo di blog. Nasce Cultura Marche Lab, la piazza virtuale marchigiana. I cittadini protagonisti del dibattito culturale. Il dialogo? Un bene comune

La piazza si rinnova e finisce online. È la nuova iniziativa dell’Assessorato alla Cultura della Regione Marche, che inaugura sul suo sito un blog aperto ai cittadini per confrontare idee, esperienze e dare vita a progetti condivisi con tutto il territorio. Il blog, sviluppato in collaborazione con la società di comunicazione Presscom, ospita informazioni sui […]

L'Assessore Pietro Marcolini presenta Cultura Marche Lab

La piazza si rinnova e finisce online. È la nuova iniziativa dell’Assessorato alla Cultura della Regione Marche, che inaugura sul suo sito un blog aperto ai cittadini per confrontare idee, esperienze e dare vita a progetti condivisi con tutto il territorio. Il blog, sviluppato in collaborazione con la società di comunicazione Presscom, ospita informazioni sui bandi emanati dall’ente, approfondimenti e interviste realizzate in occasione dei convegni organizzati. Un luogo pensato per fare il punto, periodicamente, anche sull’attività dell’Osservatorio della Cultura istituito dalla Regione Marche. La formula si presta a diventare strumento, secondo l’Assessore Pietro Marcolini, per integrare le notizie dei post con i commenti e le riflessioni dei lettori, in modo da sviluppare un dibattito che faccia crescere le istituzioni attraverso il confronto con il cittadino: va da sé che un territorio creativo, che metta a frutto l’ingegno collettivo, sia capace di alimentare la propria capacità di innovazione, reagendo meglio alle difficoltà e accumulando ricchezza immateriale. E se a dirlo e è anche assessore al bilancio, bisogna crederci davvero.
I post per il momento si articolano in quattro categorie: Creatività, Economia, Paesaggio, Welfare, che sono anche gli stessi argomenti trattati in un convegno tenutosi lo scorso gennaio: a discuterne c’erano cento intellettuali, chiamati a relazionarsi con il sottotema della cultura. Lo scopo? Cambiare la visione della Regione, non più ente che eroga fondi, al pari di  un bancomat, ma una istituzione che possa catalizzare e  coordinare le energie di una comunità.

– Annalisa Filonzi

www.culturamarchelab.regione.marche.it

www.cultura.marche.it

www.musei.marche.it

CONDIVIDI
Annalisa Filonzi
Dopo una laurea in Lettere classiche a Bologna, dal 2000 circa mi occupo di arte contemporanea: ho fatto l’assistente a un critico d’arte delle Marche, dove vivo, da cui ho imparato come non si deve curare una mostra e trattare gli artisti, tanti uffici stampa, cura di cataloghi ecc. ma posso anche vantarmi della cura di un’unica ma veramente importante mostra al Museo di Arte Moderna di Mosca nell’ottobre del 2008: VIDEOGLAZ Mario Sasso e l’immagine elettronica: quattro piani di videoinstallazioni che ancora mi sogno di notte! Attualmente per sopravvivere insegno (di ruolo) Lettere alle scuole superiori, ma non ho mai smesso di scrivere e seguire i miei interessi artistici che riguardano soprattutto i nuovi linguaggi dell’arte: video, fotografia, street art, contaminazioni varie. Recentemente ho scritto testi per alcune mostre a Roma (Teatro Palladium, nell’ambito di RomaEuropa Festival; Galleria Mara Coccia; Galleria AOCF58), collaboro con riviste online e cartacee, e propongo progetti con minime speranze di essere realizzati.