Terry e Gaga, fotoromanzo a puntate. Quel geniaccio di Richardson arriva con una nuova gallery di immagini per la lady del pop. Direttamente da Helsinki, sul suo sito web

Un amore di vecchia data quello tra Terry Richardson e Lady Gaga.  Lui, mago della fotografia glam, abile interprete della più sexy liasion tra arte e moda; lei, stella del pop, regina del trasformismo, diva di plastica, piume e paillette, votata a una ammiccante estetica dell’eccesso. Si piacciono, si corteggiano, si stimano e più e […]

Lady Gaga al telefono - foto © Terry Richardson

Un amore di vecchia data quello tra Terry Richardson e Lady Gaga.  Lui, mago della fotografia glam, abile interprete della più sexy liasion tra arte e moda; lei, stella del pop, regina del trasformismo, diva di plastica, piume e paillette, votata a una ammiccante estetica dell’eccesso. Si piacciono, si corteggiano, si stimano e più e più volte finiscono col lavorare insieme. Ed è dello scorso 29 agosto l’ultimo – forse improvvisato – rendez-vous creativo, che qualcuno leggerebbe come un preludio a un imminente collaborazione. Sul sito del fotografo è infatti comparsa una raffica di immagini, realizzate durante uno show della cantante a Helsinki, per la gioia della solita orda di “Little Monster”, i gaga-fan con i loro outfit incredibili, mix di dark, manga, gothic, emo, punk e lolita style.
Ma guardando indietro, ai pochi e accelerati anni di carriera della Germanotta, sono centinaia gli scatti che Richardson le ha dedicato, a partire dalle foto per le pubblicità di Supreme, griffe newyorchese, continuando con i servizi per Harper’s Bazaar e Vogue Hommes Japan: indimenticabile la cover con Gaga morbidamente infilata in un abito di bistecche, citazione in chiave fashion di una storica performance di Jana Sterbak. Nel novembre del 2011 la Grand Central Publishing diede alle stampe un volume che, nel giro di niente, avrebbe fatto il botto: in una settimana conquistò il quinto posto per la categoria “Hardcover advice & Misc”, nella classifica dei libri più venduti stilata dal New York Times. All’interno ben 350 immagini, selezionate tra le migliaia scattate nell’arco di dieci mesi. Protagonisti volto, corpo, guardaroba e entourage di lei, visti dall’occhio spregiudicato e complice di lui.

Terry e Gaga dopo lo show – foto © Terry Richardson

Qualcosa di simile accade adesso, con le foto pubblicate a sorpresa da Richardson sul suo diario web. La bionda lady è immortalata in camerino, sul palco, insieme ai fan o col suo cagnolino Fozzie Bear, alle prese col make up o in momenti di relax prima e dopo lo show, ma anche davanti a una vetrina di Chanel con un total black in stile “corvo”: abito lungo con mantello, tacchi a spillo abbinati a immancabile maxi-plateau e un notevole copricapo di piume. Tutto Charles de Castelbajac.
Leopardata, platinata, stivalata, meccanizzata, tra strass, protesi, calze a rete, scarpette improbabili e maquillage futuristi, Gaga torna a essere la pop queen preferita di Richardson, che da tre giorni continua a postare immagini – alcune in cui compare lui stesso – come in una foto-story a puntate.
Che siano le prove generali per il lancio di un altro cadeau editoriale firmato dalla collaudatissima coppia? Chissà. Le feste sono alle porte: fenomeno commerciale perfetto, Lady Gaga al suo contratto natalizio non rinuncia mai, tra gadget, libri, canzoni e amene trovate. E se di mezzo c’è anche Terry, il successo è già da top ten.

– Helga Marsala 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Noir

    Ue, la vicinanza di Richardson fa sembrare quella racchia della Gaga piuttosto figa. Curioso no!?

  • Angelov

    Infatti Richardson riesce a far sentire così a proprio agio chiunque è davanti al suo obbiettivo, da metterlo in una condizione quasi ideale.
    E nella foto che ne risulta, il soggetto sembra anche più “bello”.
    Solo i grandi fotografi lo sanno fare.
    E’ comunque la qualità sine qua non di ogni ritrattista.

  • shervin

    عاشق کونتم