Matrimonio a tavolino con avvenente dama dell’est Europa? Lasciate stare i siti di incontri: basta andare al Museo Nazionale di Arte Ucraina!

Catafalco bianco. Una ragazza stesa, finta addormentata. Tre giorni di tempo: i pretendenti alla sua mano devono provare a svegliarla con un bacio. Se la magia funziona scatta, come da contratto preventivo, il matrimonio. Altrimenti tocca ad un’altra principessa: fino ad esaurimento esperimento, data limite 9 settembre. Il plot perfetto per un nuovo reality targato […]

Taras Polataiko - Sleeping Beauty

Catafalco bianco. Una ragazza stesa, finta addormentata. Tre giorni di tempo: i pretendenti alla sua mano devono provare a svegliarla con un bacio. Se la magia funziona scatta, come da contratto preventivo, il matrimonio. Altrimenti tocca ad un’altra principessa: fino ad esaurimento esperimento, data limite 9 settembre. Il plot perfetto per un nuovo reality targato Endemol? Perché no: per ora, invece, trattasi di opera d’arte firmata Taras Polataiko, artista canadese di origini ucraine. Che piazza al Museo Nazionale di Arte Ucraina in Kiev la sua Sleeping Beauty, performance che ha brillantemente aggirato i tentativi di censura da parte del locale ministero della cultura e prosegue dunque, ancora per una decina di giorni, la sua marcia. Trionfale o nuziale: fate voi.
Il senso del lavoro, giura l’artista, sta “nella seduzione e nella paura dell’ultimo momento”: il brivido del rischio insomma. Da parte del novello principe azzurro, che non può sapere se sarà o meno il prescelto; da parte dell’improvvida dormiente, che sognando il macho di turno rischia di trovarsi davanti un mostro. Con cui accasarsi per davvero, mica è una favola! Le aspiranti spose hanno firmato un accordo prematrimoniale in bianco, come pure quanti accettano di cimentarsi nel bacio fatale. Per il giubilo dei divorzisti di Kiev e dintorni…

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.