Gravità Zero. L’agosto losangeleno è alta stagione anche per l’arte: fotogallery dall’opening della personale di Nicola Verlato alla Merry Karnowsky Gallery

“L’illusione della liberazione dalle più costrittive di tutte le leggi fisiche”. In sintesi: Zero Gravity. Come il titolo dell’ultima personale di Nicola Verlato, appena inaugurata alla Merry Karnowsky Gallery di Los Angeles. Già, perché da quelle parti è estate tutto l’anno, per cui agosto non si differenzia troppo dagli altri mesi dell’anno, e capita che […]

L’illusione della liberazione dalle più costrittive di tutte le leggi fisiche”. In sintesi: Zero Gravity. Come il titolo dell’ultima personale di Nicola Verlato, appena inaugurata alla Merry Karnowsky Gallery di Los Angeles. Già, perché da quelle parti è estate tutto l’anno, per cui agosto non si differenzia troppo dagli altri mesi dell’anno, e capita che una mostra si apra l’11 agosto e si chiuda il 1 settembre.
Come questa del veronese ormai da tempo New York based, ricognizione delle più recenti opere che – nel pieno stile dell’artista – indugiano fra virtuosismi iperrealisti e tematiche legate al contrasto fra concretezza della materia e sfide alla forza di gravità. Come ben sanno i nostri lettori, anche per Artribune non c’è agosto che tenga: per cui, eccovi la gallery con qualche immagine dell’opening e delle opere esposte…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • luca

    fa pena