Fischi per Francesco Clemente. Ecco la foto del Palio che verrà conteso da dieci contrade il 16 agosto. Peccato che ai senesi non sia piaciuto granché

Con il traino del compagno di avventure transavanguardistiche Sandro Chia, da tempo senese di adozione, accompagnato alla fama globale guadagnata in una quarantennale carriera ai più alti livelli, il successo nell’occasione pareva assicurato. E invece Francesco Clemente ha dovuto constatare il prevalere dei fischi sugli applausi, al momento della presentazione a Siena del “cencio” da […]

Il palio dipinto da Clemente

Con il traino del compagno di avventure transavanguardistiche Sandro Chia, da tempo senese di adozione, accompagnato alla fama globale guadagnata in una quarantennale carriera ai più alti livelli, il successo nell’occasione pareva assicurato. E invece Francesco Clemente ha dovuto constatare il prevalere dei fischi sugli applausi, al momento della presentazione a Siena del “cencio” da lui dipinto per il Palio dell’Assunta del 16 agosto.
È accaduto nel cortile del Podestà, l’Entrone del Palazzo Pubblico, su Piazza del Campo, dove sono calati i veli dall’opera dell’artista napoletano, una Madonna vestita di rosa, che raccoglie in grembo le diverse contrade. Ed il lungo brusio alzatosi dalla sala non è riuscito a dissimulare i fischi, che hanno annullato i deboli applausi destati dall’opera… Fischi dovuti a cosa? Forse agli stemmi delle contrade? Nessuna “ritratta” con il corretto colore forse a causa della particolare tavolozza scelta da Clemente? O fischi a causa della mancanza nella composizione della figura del cavallo, obbligatoria in questi casi e invece dimenticata.
Il cencio (che ad analizzare le immagini presenta vistose correzioni nella parte bassa), non sembra in ogni caso la più importante opera di Clemente in questi ultimi anni. Un lavoro portato a termine con la mano sinistra, privo dell’intensità e del coinvolgimento che sono riconosciute fin dagli anni Settanta alle opere dell’ormai newyorkese artista italiano.
Quanto a fischi, tuttavia, Clemente si trova davvero in ottima compagnia: lo scorso anno fu fischiato – almeno all’inizio della presentazione – il drappellone di Francesco Carone, mentre alcuni anni fa si beccò brusii assai scontenti addirittura Luigi Ontani. Questi due palii, tuttavia, restano tra i più strepitosi dell’ultimo quindicennio: non si può dire lo stesso per la proposta di Francesco Clemente…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • AlpiEagle

    Opera eccessivamente tenue. Moscia

  • plt

    orrendo

  • SAMANTHA

    SPAVENTOSO, I BIMBI ALL’ASILO AVREBBERO FATTO DI MEGLIO:-)

  • AMI

    BASTA CON QUESTI TRANS-PSEUDO-ARTISTI

  • Credo che abbia tentato, ma peggiore di così non è riuscito a farlo.
    Gli organizzatori del Palio forse non lo sanno, ma in Italia ci sono artisti molto più bravi dei “transavanguardisti”.

  • Francesco

    A Francesco Clemente dico che di tanto in tanto bisognerebbe avere la “forza” di rinunciare a commesse che danno prestigio ma che non sono nelle nostre “corde”. Il cencio realizzato è brutto e sicuramente i fischi sono giustificati. Non sempre si può decidere per gli altri quando gli altri sono il popolo. Il popolo ha diritto alla scelta.

  • fabrizio

    una tristezza unica…un fiasco totale

  • Non è entrato nello spirito dei contradaioli senesi Enrico

  • Secondo me, è il canto del cigno…dalle uova d’oro, però!

    Grazie ABO, grazie per il tuo contributo.

    FREE PUSSY RIOT!

  • Franco Bellino Per 5 minuti ho pensato : lo hanno velato per aumentare la sorpresa quando ce lo mostreranno. No, non era velato. E non mi è piaciuto che si dicesse : “mi hanno mandato una sola seta e quella ho dovuto dipingere”. Con i milioni che ha, Clemente, se necessario, di sete ne comprava quante voleva. E non mi è piaciuta la giustificazione : “ha dovuto dipingere in orizzontale”. Perchè Pollock come dipingeva ? E Giotto agli Eremitani o Masaccio alla Brancacci dipingevano comodi ?
    E non mi è piaciuto sentir dire : l’ho fatto in un giorno. Picasso faceva dei capolavori in pochi secondi. Ma si chiamava Picasso. Pochi secondi possono essere la sintesi di decenni di studio, come per Matisse. O Hokusai. O i semplicissimi Enso, i cerchi tracciati con un’unica pennellata dopo anni di preparazione. Magari qualcuno mi spiegherà che il Palio di Clemente è bello e giusto. Per ora, per me è approssimazione, superficialità e anche un pizzico di arroganza. Eppure so che Clemente è persona colta, intelligente e profondo conoscitore dell’Oriente. L’India e la Cina dovrebbero avergli insegnato l’importanza dell’ascolto. Forse gli è mancato un minimo di dialogo con qualcuno che potesse appassionarlo a Siena e al suo drappellone. Forse una volta di più noi avremmo potuto fare qualcosa di più. Mi sbaglio o ad un certo punto il Commissario lo ha chiamato “pannolone” ?

  • SAMANTHA

    PUERILE!

  • Angelov

    Non c’è niente di più a buon mercato dell’umiltà; eppure sembra così difficile potersene procurare almeno un po’.

  • Fabio Mazzieri

    Quando Achille ha stabilito, negli anni 80, che il non saper dipingere era un valore ha creato un disastro artistico. Oggi Clemente ha evidenziato che la trans è stata una cattivissima stagione dell’arte. a Siena si è visto chiaramente che prevale l’arroganza e l’artista non ha neanche la consapevolezza di aver realizzato un Drappellone veramente unico nella sua bruttezza , con ignoranza tecnica e senza nessun riferimento all’Assunta. Cosa c’entra la Madonna di Piero della Francesca con Siena ?
    la responsabilità è anche dei responsabili (?) del Comune che non hanno saputo dare chiarI riferimenti per la realizzazione.
    per provocazione propongo che il prossimo Drappellone sia assegnato a Cucchi e dopo a De Maria …così potremo storicizzare che cosa è la trans………..

    • SAMANTHA

      PERFETTO, MI PARE UNA PROPOSTA COERENTE!!!……..

  • dino

    secondo me non è piaciuto l’ordine in verticale degli stemmi, che inevitabilmente fa gerarchia, classifica visto che si tratta di competizione

    tranne la prima, le altre sono tutte “sotto” qualche altra contrada!

  • Angelov

    Forse essere Famoso è diverso che essere Popolare.
    E solo in pochi casi c’è chi è in grado di appartenere contemporaneamente alle due categorie.

  • Staccolanana

    Pare che l’artista abbia dichiarato di aver realizzato il Palio in UN GIORNO. Ecco, si vede!!!

  • Pingback: Fischi per Francesco Clemente. Ecco la foto del Palio che verrà conteso da dieci contrade il 16 agosto « art in progress …()

  • Francesco

    Mediocre.

    • SILVA SILVANI

      verra’ retribuito malgrado lo scontento? “i grandi nomi”….. spesso non hanno talento, basta il critico, e il gioco è fatto
      !.

  • Orazio Pecci

    Mediocre e insultante, non tanto per la supponenza della lamentela sulla troppo poca seta che gli hanno mandato, quanto soprattutto nell’aver buttato là la prima cosa che gli è venuta in mente. Se non lo voleva fare avrebbe potuto dire di no….

    • MIRIA

      non credo avrebbe saputo fare di “meglio”, ha “dato “il suo “talento”!……… e poi?
      avrà certamente avuto il compenso!. che piaccia o no, il mondo è dei furbi…che, con quattro cavolate ci indottrinano convincendoci di essere stupidi a non “capire”. -(