Una notte di progetti in spiaggia, e un gruppo di studenti a curare l’allestimento. Ecco i vincitori del concorso indetto a Senigallia da Demanio Marittimo.KM-278…

Stessa spiaggia stesso mare: torna a Senigallia Demanio Marittimo.KM-278, 12 ore di arti e progetti che uniscono la ricerca e le idee del territorio marchigiano-adriatico con i temi più interessanti e attuali dell’architettura e delle arti, intese in senso planetario. Dibattiti, presentazioni, reading, lectures, musica e degustazioni: accadrà di nuovo tutto in una notte, in […]

Stessa spiaggia stesso mare: torna a Senigallia Demanio Marittimo.KM-278, 12 ore di arti e progetti che uniscono la ricerca e le idee del territorio marchigiano-adriatico con i temi più interessanti e attuali dell’architettura e delle arti, intese in senso planetario. Dibattiti, presentazioni, reading, lectures, musica e degustazioni: accadrà di nuovo tutto in una notte, in riva al mare, nell’ambito della seconda edizione, ideata e curata da Cristiana Colli e Pippo Ciorra, e promossa dalla rivista Progetti – architettura, restauro, design, con la collaborazione del Maxxi, la Regione Marche, il Comune di Senigallia e con il supporto di un’ampia rete di imprese, istituzioni, associazioni culturali. L’appuntamento è il 27 luglio, dalle 18 fino all’alba del giorno successivo, in località Marzocca (Lungomare Italia 11). E mentre il programma scalda i motori, l’allestimento sarà curato da chi, tra gli studenti chiamati a partecipare in tutta Italia, ha vinto il bando di concorso indetto in occasione della manifestazione. La commissione giudicatrice, composta da Massimo Colocci, delegato del Comune di Senigallia, Mario Gagliardini, editore di Mappe, Margherita Guccione, Direttore Maxxi Architettura, Emanuele Marcotullio, architetto responsabile del coordinamento tecnico dell’allestimento, e dagli ideatori e curatori della rassegna Cristiana Colli e Pippo Ciorra – senior curator del Maxxi Architettura – ha scelto, infatti, il progetto del gruppo composto da Giacomo Barchiesi, Valerio De Santis, Nicolò de Vita, Chiara Girola: intitolato Construction site of minds, reinterpreta con consapevolezza critica il tema della spiaggia, come spazio limite del paesaggio urbano contemporaneo, aperto, libero e in continua mutazione, con un approccio sostenibile, attraverso strategie di riciclaggio che sposano in maniera efficace le aree tematiche con cui si misurerà Demanio Marittimo.Km-278.

demaniomarittimokm278.blogspot.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.