Masbedo in corsa. Un nuovo successo: con il film “Tralala” il duo sbarca alla Mostra del Cinema di Venezia. Paesaggi e ritratti d’Islanda, per le Giornate degli Autori

È il loro momento. Dopo l’evento all’ambasciata italiana durante l’ultima Biennale di Berlino e a pochi giorni dal debutto allo Strehler di Milano de “Il Rimedio della Fortuna”, di cui curavano l’ambientazione scenica, adesso una news di quelle che fanno la differenza, un altro goal per una carriera in piena ascesa. La comunicazione ufficiale arriva […]

Masbedo, “Tralala”, 2012 © Masbedo / Rossofuoco

È il loro momento. Dopo l’evento all’ambasciata italiana durante l’ultima Biennale di Berlino e a pochi giorni dal debutto allo Strehler di Milano de “Il Rimedio della Fortuna”, di cui curavano l’ambientazione scenica, adesso una news di quelle che fanno la differenza, un altro goal per una carriera in piena ascesa. La comunicazione ufficiale arriva pochi minuti fa, durante una conferenza stampa alla Casa del cinema di Roma: Masbedo, infaticabile e raffinato duo di videoartisti italiani, al secolo Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni, tra il 30 agosto e l’8 settembre 2012 sarà tra i protagonisti della prossima Mostra del Cinema di Venezia, nel cartellone delle “Giornate degli Autori” o “Venice Days”, rassegna autonoma nata nel 2004 all´interno del Festival veneziano, sul modello della prestigiosa “Quinzaine des Réalisateurs” di Cannes. A meritarsi l’attenzione della commissione è stato il loro ultimo film, “Tralala“, prodotto da Rossofuoco. Cinquantadue minuti di emozioni nordiche, tra algide carrellate di paesaggi nebbiosi ed esplorazioni sensuali di sentieri di roccia e vapore, lungo l’isola vulcanica più grande del mondo: l’Islanda.

Masbedo, “Tralala”, 2012 © Masbedo / Rossofuoco

Un’isola che, geologicamente, si è originata dallo scontro tra la placca nord-americana e quella eurasiatica: la linea di congiunzione, ancora visibile, rappresenta un punto di frattura destinato a espandersi nei millenni, fino a spaccare l’isola in due tronconi. Questa soglia, chiamata “ground zero”, nell’opera di Masbedo si fa rappresentazione di quel prepotente il crack economico che colpì la popolazione islandese nel 2008. A sua volta, una suggestiva metafora dell’attuale declino del mondo occidentale.
Ed è proprio nel 2008 che i due artisti cominciarono a lavorare al film, realizzando una serie di progetti di videoarte durante i quattro mesi di permanenza in Islanda.
Lirismo geografico, dunque, ma che non muove da un interesse paesaggistico. E’ l’analisi sociale il vero cuore pulsante dell’opera. “Tralala“, nato come videoinstallazione a cinque schermi, è diventato un documentario sulla vita degli islandesi e sulla generazione dei “kreppa babies”, i “bambini della crisi”: storie di disagi, ricchezze, business, lavoro, rituali collettivi e frammenti in soggettiva, suddivisi per cantiche come in una commedia ultraterrena che mette l’uomo al centro di un turbolento viaggio nella Storia, al cospetto di Madre Natura.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • anna

    MA QUANTO LI POMPATE !!!

  • Mara

    Li adoro!! Grandi Masbedo

  • angela

    Ho visto un loro video al castello di Rivoli davvero bello…se sarò a Venezia andrò sicuramente quello che scrive Helga genera curiosità!!!!