Lo Strillone: fondi pubblici per i beni artistici scesi dallo 0,34 allo 0,19% sul Corriere della Sera. E poi Sgarbi sui Caravaggio, Lissner milionario, Giacometti al Forte di Bard…

“I fondi pubblici per i beni artistici sono scesi allo 0,19 per cento rispetto allo 0,34% di pochi anni fa. In Francia il budget artistico è cinque volte superiore”. Impietosa, ma al solito ficcante inchiesta sull’Italia che non tutela i suoi capolavori firmata da Sergio Rizzo sul Corriere della Sera. Che prende il via da […]

Quotidiani
Quotidiani

I fondi pubblici per i beni artistici sono scesi allo 0,19 per cento rispetto allo 0,34% di pochi anni fa. In Francia il budget artistico è cinque volte superiore”. Impietosa, ma al solito ficcante inchiesta sull’Italia che non tutela i suoi capolavori firmata da Sergio Rizzo sul Corriere della Sera. Che prende il via da un rapporto della Corte dei conti.

Che ne pensa Sgarbi dei Caravaggio inediti comparsi a Milano? Non è chiaro: ma per sapere cosa pensa della posizione assunta dal Domenicale del Sole 24 Ore basta leggersi Il Giornale in edicola oggi, con vibranti accuse di snobismo verso chi taccia la notizia del rinvenimento di odorare di bufala.

Un faccenda su cui tornano le pagine lombarde di Quotidiano Nazionale, annunciando il vertice di esperti che prova a dirimere la questione sull’autentica; mentre il dorso milanese di Corriere della Sera insiste nelle reprimende di Formigoni sul milionario compenso di Lissner. Hartung ad Acqui Terme, ciclismo cubo-futurista alla Guggenheim e Giacometti al Forte di Bard: questi i consigli de La Stampa.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.