I “cittadini e le teatrantesse”, tutti al campus estivo. Popolo milanese a raccolta per il nuovo Macao. Tra retorica lessicale ed entusiasmo genuino, l’ex Macello rinasce

Questa volta è record. Nella sequela di occupazioni lampo, portate avanti dal collettivo milanese dei lavoratori dell’arte, alias Macao, l’ultima dura già da un mese e dieci giorni. Da quel cinque maggio del 2012, giorno glorioso dell’assalto alla Torre Galfa, fino alla (più spompata) presa dell’ex Macello di Viale Molise 68, avvenuta lo scorso 16 […]

La mascotte di Macao - Ex Macello, Milano

Questa volta è record. Nella sequela di occupazioni lampo, portate avanti dal collettivo milanese dei lavoratori dell’arte, alias Macao, l’ultima dura già da un mese e dieci giorni. Da quel cinque maggio del 2012, giorno glorioso dell’assalto alla Torre Galfa, fino alla (più spompata) presa dell’ex Macello di Viale Molise 68, avvenuta lo scorso 16 giugno, altre azioni di presidio si sono susseguite, con tanto di assemblee, iniziative, uscite mediatiche. Spazi liberati per un giorno, per una settimana, per un’ora. Nel tentativo di scrivere la sceneggiatura di un processo politico-culturale complicato, spesso zoppicante, a tratti esaltante, mai lineare, di certo appassionato.
Di Macao non sentivamo parlare da un po’. E questa è, dunque, la più lunga permanenza dalla nascita del movimento. La polizia non è intervenuta e gli occupanti restano là, indisturbati, a continuare il rituale degli eventi e delle discussioni di gruppo, lungo il sentiero, ormai trafficatissimo e spesso banalizzato, dei benedetti beni comuni.

La mascotte di Macao – Ex Macello, Milano

Tra le iniziative recenti c’è il “Summer Camp”, progetto di riqualificazione e valorizzazione dello spazio di Viale Molise (1 agosto-16 settembre 2012). Un campus rivolto a “cittadine e cittadini, studentesse, studenti, lavoratori e lavoratrici, artisti e artiste, performer, musicisti e musiciste, teatranti e teatrantesse”: ostentata – e un filo irritante – l’inutile declinazione femminile-femminista, che rilancia il tipico gergo radical-chic di una vetero-sinistra politically correct.
Ma, al di là dell’impietosa retorica linguistica che prima o poi arriva, come un virus, l’operazione ha un suo perché. L’idea? Trascorrere l’estate con Macao, prendendo parte a workshop e laboratori che mirino alla “ristrutturazione partecipata” delle aree interne ed esterne dell’ex Borsa del Macello. Perché, come si sottolinea, “con i propri corpi, le proprie intelligenze e competenze si può ripensare uno spazio abbandonato ridefinendolo come bene comune e legittimandosi attraverso processi costituenti fondati sulla partecipazione attiva”. Tripudio conclusivo di manierismo lessicale, con tutte le parole giuste al posto giusto, quelle che si devono dire. Intanto, però, pensiamo alle cose che si devono fare. Ad esempio: rendere un posto occupato un’esperienza indimenticabile per l’intera comunità. Ci riusciranno i macachi? Si comincia da questo campo estivo per lavoratori dell’arte. Rimboccatevi le mani, armatevi e partite. Macao è vivo e lotta insieme a noi.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.