E Caravaggio finisce anche a teatro, con Picasso, Dürer e Canova. Accade a Bassano del Grappa, grazie all’Operaestate Festival

Picasso nella lettura di Tam Teatromusica, Dürer interpretato dal Teatro dell’Archivolto, Caravaggio rivissuto in scena da Alessio Boni, Canova evocato dalla poesia francese in un percorso teatral-musicale curato dalla Fondazione Canova. Nella programmazione estiva, che sposta il baricentro dell’interesse – anche dell’artworld – lontano dalle grandi metropoli, si distingue Bassano del Grappa, che nel calendario […]

Il Teatro Remondini, a Bassano del Grappa

Picasso nella lettura di Tam Teatromusica, Dürer interpretato dal Teatro dell’Archivolto, Caravaggio rivissuto in scena da Alessio Boni, Canova evocato dalla poesia francese in un percorso teatral-musicale curato dalla Fondazione Canova. Nella programmazione estiva, che sposta il baricentro dell’interesse – anche dell’artworld – lontano dalle grandi metropoli, si distingue Bassano del Grappa, che nel calendario di Operaestate Festival Veneto 2012 ritaglia una specifica sezione dal titolo Dell’arte a Teatro.
Un originale percorso che collega lo spettacolo dal vivo alle arti figurative e ai suoi più grandi maestri, attraversando come un filo rosso tutto il festival promosso dalla città con la Regione del Veneto. A partire da domenica 15 luglio – alle 21.15 – al Teatro Remondini, con lo spettacolo Picablo – omaggio a Picasso di TAM Teatromusica. Ad affiancare questi originali ritratti, l’analisi critica su come il nostro paese si prende cura del suo sconfinato patrimonio artistico condotta da Gian Antonio Stella e Gualtiero Bertelli in Vandali, in programma il 20 luglio.

www.operaestate.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.