Art Digest: Eli & Jeffrey, sempre più soli al MOCA. Il miglior cinema di tutti i tempi? Per me è una miniatura. Se tira vento, tutti a casa di Brad

MOCA Los Angeles sempre più “deserto”, anche John Baldessari si dimette dal board. È il quinto trustee a lasciare, dopo la cacciata dello chief curator Paul Schimmel per contrasti con Eli Broad e Jeffrey Deitch… (latimes.com) Scene da capolavori del cinema, da Shining a Scarface, ad Alien, rifatte in pittura con lo stile delle miniature […]

Paul Signac - Au temps d’harmonie

MOCA Los Angeles sempre più “deserto”, anche John Baldessari si dimette dal board. È il quinto trustee a lasciare, dopo la cacciata dello chief curator Paul Schimmel per contrasti con Eli Broad e Jeffrey Deitch… (latimes.com)

Scene da capolavori del cinema, da Shining a Scarface, ad Alien, rifatte in pittura con lo stile delle miniature ottomane del Cinquecento. È l’eclettica tesi di laurea dello studente turco Murat Palta… (slate.com)

Non tutte le star di Hollywood pensano solo a far soldi e ad apparire su giornali e tv. All’indomani dei disastri dell’uragano Katrina a New Orleans Brad Pitt aveva promesso il suo aiuto: ed ora sono pronte le abitazioni della sua Make It Right Foundation, progettate da tal Frank Gehry… (archinect.com)

Eh no, su Signac non si può. E così i discendenti del grande divisionista staccano l’opera Au temps d’harmonie dalle pareti del comune di Montreuil, e la portano al Musée d’Orsay. La colpa del sindaco? Una festa durante la quale l’opera è stata usata come bersaglio per proiettili di carta… (lejournaldesarts.fr)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.