La Casa più Matta che ci sia? Quella disegnata da Sebastián Matta. Al Triennale Design Museum gli arredi ideati dal grande artista, su Artribune la foto-video-preview

Resine viniliche metallescenti, fusioni in bronzo, legni intagliati, stoviglie dipinte a mano, tappeti e persino vasi dalle forme e dalle decorazioni più disparate. Queste le atmosfere che regnano al primo piano del Triennale Design Museum, dove si apre oggi al pubblico la mostra Casamatta. Titolo che più azzeccato non potrebbe essere: e non tanto perchè […]

Resine viniliche metallescenti, fusioni in bronzo, legni intagliati, stoviglie dipinte a mano, tappeti e persino vasi dalle forme e dalle decorazioni più disparate. Queste le atmosfere che regnano al primo piano del Triennale Design Museum, dove si apre oggi al pubblico la mostra Casamatta. Titolo che più azzeccato non potrebbe essere: e non tanto perchè allestisce gli ambienti di una casa ideale, arredata dai progetti del cileno Sebastián Matta Echaurren (vi dice niente? Sì, era il padre dell’artista e scrittore Pablo Echaurren).

Ma perché la riempie, la “casa”, di oggetti nei quali il grande artista scomparso a Civitavecchia nel 2002 – figura di primissimo piano del Surrealismo, che poi contribuì a “sdoganare” verso gli Usa ponendo le basi di New Dada ed Espressionismo Astratto – riversa tutto il suo spirito visionario, tra sculture fittili, intarsi, soprammobili, sedie, poltrone, stoviglie e animali d’altri mondi. Ogni elemento d’arredo è una piccola invenzione che oltrepassa il limite quotidiano della funzionalità. Oggetti come poltrone, tavoli da pranzo, letti, sedie, sculture e brocche si inseriscono tra densi ritagli di materia e volumi di scarto, in uno spazio che, assiepato dalle cose, respira violenza della dolcezza. Siamo andati a dare un’occhiata in anteprima, non perdete il video-blitz e la gallery…

– Ginevra Bria

Fino al 2 settembre 2012
Triennale Design Museum
Viale Alemagna 6, 20121 Milano
www.triennale.it

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.