Kassel Updates: si inizia a vagare per dOCUMENTA. Prima carrellata di immagini e video, si parte dalla sede del Fredericianum

Se il continuo switch fra Manifesta e dOCUMENTA rischia di far perdere la bussola a voi, immaginate ai nostri inviati! Qualcuno ha già raggiunto Kassel, e la prima meta ovviamente sono le sale del Fredericianum, sede centrale della rassegna tedesca. Insomma, di carne al fuoco ce n’è: per voi le prime immagini e video. Dall’installazione […]

Se il continuo switch fra Manifesta e dOCUMENTA rischia di far perdere la bussola a voi, immaginate ai nostri inviati! Qualcuno ha già raggiunto Kassel, e la prima meta ovviamente sono le sale del Fredericianum, sede centrale della rassegna tedesca. Insomma, di carne al fuoco ce n’è: per voi le prime immagini e video. Dall’installazione sonora di Ceal Floyer‘Til I get it right, del 2005 – al lavoro Picasso in palestine, 2012, di Khaled Hourani e Rashid Masharawi, dedicato al significato dell’esposizione di Busto di donna del 1943 di Pablo Picasso all’interno della West Bank a Ramallah.

E poi le scritte su vetro di Lawrence Weiner, The middle of the middle of the middle of, e la sala con alcuni splendidi Morandi mescolati in mezzo ad altri lavori un po’ “pigiati”, tra i quali le sculture Essere fiume 6 del 1998 di Giuseppe Penone e Calcium Carbonate (ideas spring from deeds and not the other way around) di Sam Durant, del 2011, fino agli enormi spazi vuoti dell’installazione di Ryan Gander I Need Some Meanings I Can Memorise (The invisible Pull), dove una brezza, in alcuni momenti quasi “insistente” accompagna il visitatore attraverso lo spazio…

– Valentina Grandini

CONDIVIDI
Valentina Grandini
Profilo: Valentina Grandini (Pietrasanta, 1978) è storica dell’arte, curatrice indipendente, art advisor, fotografa e organizzatrice di mostre ed eventi legati all’arte contemporanea. Dal maggio 2011 collabora con Artribune. Dal 2008 svolge l’attività di art advisor collaborando con collezionisti privati alla creazione, all’incremento e alla gestione delle proprie collezioni, seguendo il lavoro di artisti italiani e stranieri, soprattutto delle ultime generazioni. Dal 2005 al 2008 ha lavorato per la Galleria Enrico Fornello di Prato e ha collaborato con istituzioni pubbliche e private creando progetti espositivi. Dal 2007 cura e progetta allestimenti artistici per alberghi, aziende e privati, con fotografie proprie ed opere d’arte contemporanea. Tra gli alberghi si ricordano l’Hilton Garden Inn, l’Hotel Brunelleschi, l’Hotel De La Ville ed il Demidoff Country Resort di Firenze, l’Una Hotel Versilia di Lido di Camaiore ed il Principe di Piemonte di Viareggio.