Genk Updates: per rifocillarsi nelle pause della Biennale, ci sono i “Manifesta 9 preferred restaurants”. Con tanto di sticker identificativo. E per la maggioranza sono italiani

Come? Artribune è fissata con la storia dei ristoranti, con la mania di segnalare – ad ogni biennale, o fiera di una certa importanza – i posti dove mangiare decorosamente nei dintorni delle sedi espositive? Può darsi, ma allora si tratta di una fissazione abbastanza diffusa: tanto che Manifesta – la biennale itinerante che inaugura […]

Come? Artribune è fissata con la storia dei ristoranti, con la mania di segnalare – ad ogni biennale, o fiera di una certa importanza – i posti dove mangiare decorosamente nei dintorni delle sedi espositive? Può darsi, ma allora si tratta di una fissazione abbastanza diffusa: tanto che Manifesta – la biennale itinerante che inaugura in questi giorni la sua nona edizione a Genk, in Belgio – ha dedicato addirittura una sezione del website, per indicare i propri “preferred restaurants”.
Trenta attività di ristorazione localizzate a Genk e dintorni e convenzionate con la rassegna, nelle quali scegliere fra un veloce spuntino ed una “buona esperienza culinaria”, con un occhio alla qualità e l’altro al portafoglio. Locali – trovate l’elenco in calce – per i quali è stato creato pure un simpatico sticker adesivo identificativo. Una curiosità (e neanche tanto, se si pensa alla forte immigrazione nostrana negli anni passati del distretto carbonifero): dal La botte al Cinecittà, per la maggioranza si tratta di locali italiani…

manifesta9.org/en/plan-your-visit/restaurants/

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.