Capitali europee in corsa verso il trofeo della Cultura 2019. Matera candidata elegge Paolo Verri direttore dei lavori. Qualche anticipazione prima del nuovo Artribune Magazine

È Paolo Verri il nuovo direttore di Matera 2019. Continua anche sul prossimo Artribune Magazine la nostra inchiesta sulle Capitali Europee della Cultura. Nel frattempo, vi teniamo aggiornati su cosa accade, passando al vaglio le varie candidature. Ed ecco che Matera tira fuori dal cappello una scelta strategica, importando una professionalità esterna al territorio: il […]

Matera

È Paolo Verri il nuovo direttore di Matera 2019. Continua anche sul prossimo Artribune Magazine la nostra inchiesta sulle Capitali Europee della Cultura. Nel frattempo, vi teniamo aggiornati su cosa accade, passando al vaglio le varie candidature. Ed ecco che Matera tira fuori dal cappello una scelta strategica, importando una professionalità esterna al territorio: il curriculum del professor Verri, stando non solo alle cronache, ma anche al suo profilo Linkedin, spazia dalla direzione del Comitato di Italia 150, all’Associazione Torino Internazionale. Su un articolo di Letizia Tortello del 4 giugno su La Stampa, intitolato Esporto a Matera il modello Torino. Diventerà capitale culturale europea, si parla anche di un incarico ancora in corso al Comitato di Italia 150 (part-time) e di una collaborazione all’Urban Center.
Per me – spiega Verri nell’intervista di Artribune, di cui vi anticipiamo solo un passaggio – Matera è una scommessa europea, anzi internazionale. Sono tantissimi gli abitanti oggi a Matera che non sono nati nella città lucana ma che la abitano sentendone le profonde radici. Comunque per costruire la candidatura stiamo lavorando con tutta Italia e tutta Europa: basti l’esempio“.
Non vi diciamo nulla, invece, circa scelte, strategie, progetti, idee: se volete saperne di più, non vi resta che aspettare il prossimo numero del Magazine.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.