Botto&Bruno trionfano a Madrid. Sono loro i migliori “giovani” fotografi della quarta edizione di Madridfoto. Taglio sociale e impatto emotivo, un mix che conquista la giuria

L’Italia vince in Spagna. Si aggiudica il Premio Jóvenes Fotógrafos la nota coppia Botto&Bruno, rappresentata dalla galleria Oliva Arauna, nell’ambito di Madridfoto. Quarto anno per la grande manifestazione madrilena dedicata all’arte fotografica e terzo per il premio destinato ai più giovani sperimentatori: un’iniziativa portata avanti grazie alla collaborazione con la Comunidad de Madrid. Diecimila dollari […]

Botto&Bruno

L’Italia vince in Spagna. Si aggiudica il Premio Jóvenes Fotógrafos la nota coppia Botto&Bruno, rappresentata dalla galleria Oliva Arauna, nell’ambito di Madridfoto. Quarto anno per la grande manifestazione madrilena dedicata all’arte fotografica e terzo per il premio destinato ai più giovani sperimentatori: un’iniziativa portata avanti grazie alla collaborazione con la Comunidad de Madrid.
Diecimila dollari il bottino che i due torinesi portano a casa. A convincere la giuria sono state le loro inconfondibili immagini di periferie urbane, restituite con cromatismi saturi e ampi tagli prospettici, tra indagine sociale e impatto emotivo: frammenti di aree abbandonate, opere incompiute, fabbriche dismesse, algide distese di cemento, piazze, campetti e parco giochi consegnati al degrado. Sporadiche presenze si aggirano, sospese, tra pozzanghere e muri scrostati, coperti di graffiti. Figure esili nascoste dietro i cappucci di felpe troppo larghe, nel tipico outfit di strada, in perfetto urban-style: sono loro l’anima chiassosa, spesso malinconica, di questi teatri contemporanei della marginalità e dell’anonimato. Gioventù solitaria in cerca di orizzonti nuovi, da scovare dietro le grigie facciate di palazzi troppo alti, tutti uguali.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.