Roma Updates: un ciclista incidentato, un cippo funerario. Siete scaramatici? State alla larga da Out of range, la sezione di installazioni open della fiera

Le opere te le ritrovi continuamente davanti, quasi ci inciampi, passeggiando nell’ampio vialone che raccorda i due padiglioni dell’ex mattatoio con gli spazi della Pelanda, ovvero i luoghi di Roma Contemporary. Sono le scelte della sezione Out of range, le installazioni di grandi dimensioni – sculture, installazioni, video-proiezioni, performance – collocate a cielo aperto nella […]

Ariel Orozco - Déjà vu

Le opere te le ritrovi continuamente davanti, quasi ci inciampi, passeggiando nell’ampio vialone che raccorda i due padiglioni dell’ex mattatoio con gli spazi della Pelanda, ovvero i luoghi di Roma Contemporary. Sono le scelte della sezione Out of range, le installazioni di grandi dimensioni – sculture, installazioni, video-proiezioni, performance – collocate a cielo aperto nella mostra a cura di Chris Sharp, con artisti rappresentati da gallerie espositrici. Da Stano Filko a Rainer Ganahl, Ariel Orozco, Renato Leotta. Con una curiosità che potrebbe colpire i visitatori particolarmente scaramantici: Ariel Orozco colloca due biciclette evidentemente fresche reduci da un grave incidente stradale, Marco Bruzzone due tipici cippi funarari di quelli che si trovano per strada nei crash point. Se siete fra questi, portatevi un corno rosso…