Le cover dei dischi, materia prima per artisti e designer. Chi le ha progettate, chi le ha interpretate. Come Aaron Savage, che ne ha fatto delle deliziose costruzioni Lego

Ci sono i Clash, i Queen, i Pink Floyd, David Bowie, Springsteen, gli Smiths. Ma anche Lily Allen, i Blur, i Red Hot Chili Peppers, Ice Cube, Fatboy Slim. Star della musica vecchie e nuove, pezzi da novanta, dinosauri della discografia o nuovi talenti venuti alla ribalta negli ultimi anni. Ne ha sfornati una cinquantina, […]

David Bowie, Aladdin Sane

Ci sono i Clash, i Queen, i Pink Floyd, David Bowie, Springsteen, gli Smiths. Ma anche Lily Allen, i Blur, i Red Hot Chili Peppers, Ice Cube, Fatboy Slim. Star della musica vecchie e nuove, pezzi da novanta, dinosauri della discografia o nuovi talenti venuti alla ribalta negli ultimi anni. Ne ha sfornati una cinquantina, Aaron Savage, di questi irresistibili restyling: cover di album famosi, rivisitate in chiave Lego. Vere e proprie costruzioni, fatte con i mitici mattoncini colorati e gli inconfondibili omini dalle faccine gialle: le costruzioni più celebri del mondo, customizzate in chiave pop e rock. Savage, designer e fotografo britannico, si è sbizzarrito con questa divertente serie, battezzata Brick the LP, dando sfogo alla sua passione per la musica, ma anche a quella per i giocattoli e i ricordi d’infanzia. Tra memorie sonore e leggerezza ludica, una delle massime icone del toys world incontra alcune delle più grandi icone del music world. Da collezionare. Spulciatevi la nostra gallery, con un’ampia selezione. Quale vi convince di più? Il minimalismo dei Coldplay o la stravaganza dei Kiss? John Lennon e Yoko Ono in costume adamitico, l’inossidabile banana dei Velvet Underground o il granchietto lisergico dei Prodigy? E il ritratto molto Eighties di Michael Jackson in bianco, indimenticabile poser per la copertina di Thriller? Bellissimo anche in versione Lego…

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • thegrassisgreener

    Rock’n’roooolla!