L’Appennino del Québec. Gemellaggio per residenze d’artista, dalla Romagna Rad’Art manda due artisti per sei settimane in Canada. C’è tempo fino al 31 maggio

Il primo è un centro di residenze d’artista, attivo da trent’anni in Canada, mentre il secondo, gestito dall’Associazione Artéco, è uno spazio permanente dedicato alla ricerca artistica contemporanea internazionale (arti visive, performative, scenico-coreografiche, video arte e ricerca sonora), con sede a San Romano di Mercato Saraceno (FC), una località dell’Appennino romagnolo. Parliamo di La Chambre […]

Il primo è un centro di residenze d’artista, attivo da trent’anni in Canada, mentre il secondo, gestito dall’Associazione Artéco, è uno spazio permanente dedicato alla ricerca artistica contemporanea internazionale (arti visive, performative, scenico-coreografiche, video arte e ricerca sonora), con sede a San Romano di Mercato Saraceno (FC), una località dell’Appennino romagnolo. Parliamo di La Chambre Blanche (Québec) e Rad’Art (Italia), che ora attivano un programma di interscambio di artisti in residenza per il quale è in pieno svolgimento la ricerca dei progetti adatti a partecipare.
Rad’Art è nato dalla volontà della Mental Permanent Factory dell’artista Anton Roca, catalano d’origine e residente in Italia da oltre vent’anni, e per le sue caratteristiche di aver sede in luogo appartato e discreto, inserito in un contesto naturale di grande valore ambientale e paesaggistico, risulta ideale per la produzione culturale e per le residenze d’artista. Che in questo caso, nelle stagioni 2012-2013 e 2013-2014, saranno però ospitate per sei settimane nel Centro d’Arte La Chambre Blanche di Québec, partner di The Rad’Art Project, il quale sceglierà cinque dossier (riguardanti la pratica dell’installazione in situ) da spedire al centro canadese, al quale spetterà la scelta dei due artisti vincitori del programma di interscambio di residenza. I selezionati saranno chiamati ad operare in un contesto di laboratorio aperto, con il pubblico invitato a presenziare al loro processo creativo-operativo.
Come fare per partecipare al bando? Le proposte potranno essere inviate in formato digitale tramite email, con oggetto “Bando Rad’Art 2012-2014”, da spedire a [email protected]. Oppure tramite posta, con raccomandata intestata all’Associazione artéco. Termine di presentazione delle proposte: 31 maggio 2012.

– Claudia Giraud

Scarica il bando

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).