La Habana Updates: giocare a flipper, aspettando la Biennale. Doppia personale al Museo de Bellas Artes, ecco le immagini dell’opening

Prime battute biennalesche anche per il Museo de Bellas Artes, che apre al pubblico, anticipando l’opening ufficiale con due mostre personali. L’occasione, che vede coinvolto un pubblico non solo locale – si scorgono tra i partecipanti Orlan, Raffaele Gavarro e Flavio Favelli tra gli altri – è ghiotta anche per visitare la collezione del museo, […]

Prime battute biennalesche anche per il Museo de Bellas Artes, che apre al pubblico, anticipando l’opening ufficiale con due mostre personali. L’occasione, che vede coinvolto un pubblico non solo locale – si scorgono tra i partecipanti Orlan, Raffaele Gavarro e Flavio Favelli tra gli altri – è ghiotta anche per visitare la collezione del museo, con opere pittoriche e scultoree di artisti cubani e una splendida sala dedicata a Wifredo Lam. Sul versante contemporaneo la proposta dello spazio della Capitale ricade su Sandra Ramos (1969) e la sua Puentes e su Abel Barroso (1971), entrambi cubani e quasi coetanei, entrambi impegnati in una elaborazione concettuale del rapporto tra architettura e ambiente con una connotazione sociale e partecipativa.
La prima crea nella cornice convenzionale di un’opera bidimensionale, un sistema di piani e sfondamenti, dove disegni e fotografie fanno da contraltare a piccoli oggetti tridimensionali che ne svelano la natura funzionale. A corollario, una passerella rialzata che posiziona il cielo sul pavimento ed invita il visitatore ad attraversarla. Anche per Barroso la protagonista è la città, ma qui non si tratta di raccontarla nella sua versione reale, quanto di descriverne in maniera stilizzata i contorni all’interno di un discorso politico che utilizza l’incisione artigianale del legno come mezzo e materia privilegiata. Flippers (Esta es tu casa) perfettamente funzionanti (tanto da incoraggiare i partecipativi spettatori cubani a partite e tornei!), skylines e planisferi dipinti con residui di matite colorate e temperate (El mundo es plano) uniscono i nuovi linguaggi della comunicazione e dell’informazione alla tradizione della manifattura locale.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.