Barcellona Updates: la fiera dedicata all’arte emergente, che non dimentica il collezionismo giovane. Ecco il dispenser di opere d’arte e gli art toys benefici

No, non è una macchina per gli snacks quella che troviamo all’entrata di Swab, ma una VMA, ovvero una Vending Machine Art. Si tratta di un progetto firmato dalla piattaforma barcellonese Oficina 36, che invita a riflettere sul significato di “consumo” nella scena artistica attuale. Dieci artisti, selezionati tra tutte le gallerie in esposizione, hanno […]

VMA - Vending Machine - foto Vicky Zamora

No, non è una macchina per gli snacks quella che troviamo all’entrata di Swab, ma una VMA, ovvero una Vending Machine Art. Si tratta di un progetto firmato dalla piattaforma barcellonese Oficina 36, che invita a riflettere sul significato di “consumo” nella scena artistica attuale. Dieci artisti, selezionati tra tutte le gallerie in esposizione, hanno collaborato al progetto per offrire una macchina di consumo zeppa di opere in formato ridotto, tutte dal prezzo accessibile. La Vending Machine Art è anche un’installazione, con cui il pubblico può riscoprire, attraverso i 10 schermi laterali, il processo di realizzazione delle opere stesse, custodite dentro una serie di box. Una volta scelta l’opera-scatola da acquistare, ci si reca allo stand della galleria e si riceve in cambio un gettone per la macchina. Collezionare come consumare: semplice, rapido e comodo.
Ma c’è anche un secondo progetto, rivolto al collezionismo emergente. Di fronte alla VMA, una sorta di vetrina mette in mostra gli orsacchiotti dell’iniziativa SWAB TOY´Z by FLS. Ventidue artisti scelti tra le gallerie hanno rielaborato e personalizzato i toys, a scopi di beneficenza. È la Fundazione Lluita contro l’AIDS (FLS) a presentare l’asta benefica che si inaugura oggi in fiera e alla quale è possibile partecipare anche online, attraverso il sito web di Swab. A battere il martelletto dell’asta ci penserà Sotheby’s Barcelona.

– Enrichetta Cardinale Ciccotti

www.swab.es

CONDIVIDI
Enrichetta Cardinale Ciccotti
Enrichetta Cardinale Ciccotti (Napoli 1986, vive a Barcellona). Storica dell’arte, generazione erasmus. Per evitare la tanta agoniata sindrome post-erasmus ha fatto una serie di giri, ma dall'estero non è più tornata. Dopo le ricerche per tesi a Monaco di Baviera si è trasferita a Barcellona per studiare exhibition design. In Spagna ha collaborato per la galleria masART, la fiera d’arte contemporanea SWAB e l’Istituto di Cultura Italiana. Si occupa di stampa internazionale, contenuti web e social media per eventi culturali e portali. Collabora per il Sónar Advanced Music and New Media Art Festival. Scrive per Artribune dal 2012.