Arte e teatro: Milano la prima nazionale di Rosso, la pièce teatrale ispirata al colosso della pittura mondiale Mark Rothko

Debutta al Teatro Elfo Puccini di Milano la versione italiana di Rosso (Red) di John Logan, il pluripremiato spettacolo ispirato alla tormentata esistenza di Mark Rothko, il rappresentate più drammatico, intimo e insieme “pop” di quella stagione tutta americana dell’espressionismo astratto, morto suicidio nel 1970. Dopo la premiere nel 2010 a Londra, Red ha rappresentato […]

Debutta al Teatro Elfo Puccini di Milano la versione italiana di Rosso (Red) di John Logan, il pluripremiato spettacolo ispirato alla tormentata esistenza di Mark Rothko, il rappresentate più drammatico, intimo e insieme “pop” di quella stagione tutta americana dell’espressionismo astratto, morto suicidio nel 1970.
Dopo la premiere nel 2010 a Londra, Red ha rappresentato un vero e proprio caso negli Stati Uniti dove ad interpretare il grande pittore fu l’attore Alfred Molina, e che consacrò John Logan uno dei più importanti sceneggiatori contemporanei. Al centro delle pièce vi sono temi profondi e universali della creazione artistica, strutturati su un preciso spunto biografico: la creazione dei grandi dipinti commissionati a Rothko per il sontuoso ristorante del Four Season di New York nel 1958. La relazione dinamica tra l’artista e la sua espressione, e tra l’arte e l’immortalità è messa in scena con due soli attori, Ferdinando Bruni ed il giovane Alejandro Bruni Ocaña nel ruolo dell’assistente di Rothko.

– Riccardo Conti

Dall’8 maggio al 3 giugno 2012
ROSSO di John Logan
Traduzione di Matteo Colombo
Regia di Francesco Frongia
Con Ferdinando Bruni e Alejandro Bruni Ocaña
Luci di Nando Frigerio
Produzione Teatro dell’Elfo
Teatro Elfo Puccini – Milano
www.elfo.org


CONDIVIDI
Riccardo Conti
Riccardo Conti (Como, 1979) è critico d’arte e free lance editor per numerose pubblicazioni nazionali ed internazionali occupandosi principalmente di cultura visiva e sperimentazione audio e video. Ha curato diverse mostre per gallerie e spazi privati ed è autore di alcuni format televisivi riguardanti arti visive e cultura contemporanea. Ha insegnato presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, e tenuto seminari presso altre università ed istituzioni quali NABA, IULM, e KHIO di Oslo, attualmente insegna presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano ed è docente di Visual Culture e Video Culture presso IED moda Lab. Dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.