Architettura white and green. La Norvegia punta sull’integrazione paesaggistica e ambientale. E inaugura un centro culturale tutto bianco, progettato dai danesi 3XN

Piccole case in legno bianco affacciate sul golfo nel Mare del Nord e a due passi una foresta incontaminata: siamo a Mandal, cittadina turistica che supera di poco le 15.000 anime. Dopo due anni di lavori, è stato inaugurato lo scorso aprile “The Arch”, centro culturale che comprende al suo interno un teatro, un cinema, […]

The Arch by 3XN, Mandal

Piccole case in legno bianco affacciate sul golfo nel Mare del Nord e a due passi una foresta incontaminata: siamo a Mandal, cittadina turistica che supera di poco le 15.000 anime. Dopo due anni di lavori, è stato inaugurato lo scorso aprile “The Arch”, centro culturale che comprende al suo interno un teatro, un cinema, una sala concerti, una biblioteca e una galleria espositiva, distribuiti su una superficie complessiva di 4.500 mq.
Realizzato in un’area industriale dismessa, il nuovo spazio si sviluppa attraverso forme bianche, morbide e sinuose, ispirate alle abitazioni tipiche del luogo e alle colline che circondano Mandal: strutture definite da una serie di grandi vetrate, che permettono alla luce di penetrare gli interni. consentendo la vista verso la spiaggia e il lungomare. Duplice funzione dunque, capace di creare anche interconnessioni tra i fruitori del centro e i residenti.
Il progetto porta la firma dello studio danese 3XN, attivo dal 1986 con numerosi lavori in area nordeuropea (Paesi Bassi, Svezia, Germania e Regno Unito), nonché autore del Museo di Liverpool, inaugurato lo scorso luglio. The Arch è inserito all’interno del masterplan che contribuirà ad integrare la nuova opera nel paesaggio circostante. In fase di realizzazione è una passerella pedonale, che sorgerà sul fiume adiacente e collegherà il complesso al resto della città. In futuro si prevede anche di dotare il centro di un tetto verde: una scelta organica e funzionale, in grado di mitigare l’effetto isola di calore e abbattere i consumi energetici.

– Elisabetta Biestro

CONDIVIDI
Elisabetta Biestro
Laureata in Architettura per il restauro e la valorizzazione dei beni architettonici e ambientali, dal 2009 scrive per il mensile "Il Giornale dell'Architettura". Ha collaborato tra gli altri con Green Building Council Italia (GBC Italia), associazione no profit che promuove il protocollo per edilizia sostenibile certificata LEED®. Si è specializzata in corsi post-laurea legati alla gestione e controllo di progetti complessi, e nella divulgazione di tematiche quali conservazione del patrimonio architettonico e ambientale, interventi nei Paesi in via di sviluppo a basso costo e sostenibili. Attualmente cura le attività dell'ufficio comunicazione di una multiutility con sede in Piemonte, che sviluppa progetti legati alle energie rinnovabili e all’ambiente.