Saloni Updates: Gumdesign reinventa Max Mara. Nuovo allestimento per lo showroom milanese, disegnando spazi fragili dall’anima sensibile

Il design dei viareggini Gumdesign incontra la moda presso il flagship store di Max&Co, in corso Vittorio Emanuele. La design week, ormai da tempo, non è più la kermesse dedicata esclusivamente al design industriale, allargandosi ai vari territori limitrofi. Tra questi, la moda, altra eccellenza milanese che, non accontentandosi delle rituali fashion week, sconfina anche […]

Il design dei viareggini Gumdesign incontra la moda presso il flagship store di Max&Co, in corso Vittorio Emanuele. La design week, ormai da tempo, non è più la kermesse dedicata esclusivamente al design industriale, allargandosi ai vari territori limitrofi. Tra questi, la moda, altra eccellenza milanese che, non accontentandosi delle rituali fashion week, sconfina anche nell’universo degli oggetti.
Ed ecco un allestimento pensato per lo showroom del gruppo Max Mara (lo stesso che ha fondato la splendida Collezione Maramotti di Reggio Emilia): piccoli elementi autonomi, progettati per l’occasione da Gabriele Pardi e Laura Fiaschi, danno vita a un paesaggio surreale e fiabesco. La percezione della sensibilità è lasciata elementi tangibili, ma allo stesso tempo eterei per vocazione. La rappresentazione della casa passa da luogo sicuro a posto instabile, con esili scale erette per raggiungerlo. Foglie aeree, gemme, cucù improbabili sono piccoli dettagli evanescenti che contribuiscono a costruire un’atmosfera rarefatta e onirica. I Gumdesign racchiudono in questo allestimento i concetti della loro poetica: chiari segni grafici, elementari e colorati, disegnano oggetti costruiti con linee talmente sottili da sembrare fragili, o meglio “inconsapevolmente sensibili”.

– Valia Barriello

 www.gumdesign.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.