Milano Updates: MiArt nel guinness dei primati. Causa blocco del traffico la fiera apre in orari antelucani. Perdipiù di domenica…

Ultimo giorno di MiArt all’insegna della levataccia. Brutte notizie per chi – il neodirettore Frank Boehm in primis! – amano tirar le ore piccole di notte. A causa del blocco del traffico per i veicoli privati dovuto alla elevata percentuale di agenti inquinanti (ed ad una maratona), la città si è dovuta bloccare dalle 10 […]

Ultimo giorno di MiArt all’insegna della levataccia. Brutte notizie per chi – il neodirettore Frank Boehm in primis! – amano tirar le ore piccole di notte. A causa del blocco del traffico per i veicoli privati dovuto alla elevata percentuale di agenti inquinanti (ed ad una maratona), la città si è dovuta bloccare dalle 10 alle 18. Una questione poco simpatica per chi, come quelli di MiArt, hanno in corso un evento fieristico che ospita persone da tutta la regione e da tutta Italia.
Ecco perché gli organizzatori non sono stati con le mani in mano e hanno giocato in contrattacco spostando in corsa l’orario di apertura della domenica: dalle 11 alle 10. Così MiArt fissa con ogni probabilità un piccolo record tra le fiere internazionali che solitamente aprono appunto alle 11 se non alle 12.
Tutto ciò premesso, invece di rincorrere gli eventi per consentire ai clienti di venire in fiera con quel mezzo del Ventesimo secolo chiamato automobile, non sarebbe stato più  etico spiegare a tutti che la fiera è ben raggiungibile con taxi e metropolitane? Vi risulta qualche fiera internazionale (chessò Fiac, Armory, Frieze…) nella quale i visitatori si recano con la propria vettura privata?

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Elena Manzoni di Chiosca

    A dire il vero, Basilea è attrezzatissima (parcheggi ad iosa, e forniti di servizi, per chi arriva in automobile). E bisogna calcolare che i mezzi, a Milano, domenica non funzionavano, tranne le poche, ed affollatissime metropolitane, perchè c’era la maratona e, per farla passare, li hanno bloccati per ore.
    Ed infine, l’aria era ben pulita -pioveva da giorni. La “domenica senz’auto” era solo di pubblicità alle macchine elettriche -in cui, probabilmente, qualcuno in Comune ha degli interessi, perche’ possono sempre circolare.