Mauro Ceolin lancia PageRank#CMdcU. Un po’ mostra, un po’ performance, un po’ esperimento digitale. Su Artribune Television arriva il viral che anticipa l’evento

Tre fasi, per un unico, complesso progetto. Prologo, performance e documentazione: un viaggio che va da marzo a giugno e che intercetta il pubblico ampio del web come quello, fisico, che assisterà all’evento, il prossimo 26 maggio, presso l’udinese Spazio Ultra. Ad aver progettato il tutto, con la cura di Claudio Musso, è l’artista Mauro […]

Mauro Ceolin, still da "PageRank#CMdcU"

Tre fasi, per un unico, complesso progetto. Prologo, performance e documentazione: un viaggio che va da marzo a giugno e che intercetta il pubblico ampio del web come quello, fisico, che assisterà all’evento, il prossimo 26 maggio, presso l’udinese Spazio Ultra. Ad aver progettato il tutto, con la cura di Claudio Musso, è l’artista Mauro Ceolin, da sempre attivo nel campo delle nuove tecnologie e della sperimentazione digitale. PageRank#CMdcU parte dunque in forma di progetto virtuale, grazie a un video-lancio che funziona come veicolo divulgativo ma anche come strumento partecipativo rivolto al popolo di Internet: è on line già da qualche settimana un ipnotico viral, sorta di manifesto programmatico della poetica di Ceolin. Un cut up di frammenti reperiti esclusivamente sul web e rigorosamente “aperti”: software open source di editing con funzionalità base, strumenti per il download da YouTube e programmi free di videolettura (text to speech) accessibili su Internet senza previa registrazione.

Mauro Ceolin, still da "PageRank#CMdcU"

Scene tratte da noti film di fantascienza si alternano a spezzoni di video amatoriali o a render grafici che illustrano teorie scientifiche, mentre un inquietante voice over metallico mette insieme, con effetto spaesante, una serie di concetti sul ruolo dell’artista oggi.
La comunicazione passa dunque attraverso questa prima fase di veicolazione virale, un modo per “contagiare” creativamente lo sguardo di chi surfa sul web. Il progetto, destinato a confluire in un archivio progressivo con valore di opera-documento, è una nuova tappa di ContemporaryNaturalism, ricerca che l’artista porta avanti attraverso mostre, progetti digitali, lezioni ed eventi, a partire dal 2006. Domani, PageRank#CMdcU arriva anche su Artribune Television

– Helga Marsala

www.rgbproject.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.