Le forme impossibili di Pietro Fortuna, ai Martedì Critici. A Roma prosegue il ciclo di talk d’artista, sempre in partnership con Artribrune Television. Che pubblica il video con Felice Levini

Pietro Fortuna, padovano, romano d’adozione, è un artista complesso, che ha riversato nella sua ricerca una lunga formazione in ambito umanistico, nel campo dell’architettura e della filosofia. Da qui il suo immaginario, personalissimo, costellato di immagini dense di rimandi intellettuali, algide come simboli universali: la profondità e il rigore del pensiero danno forma e sostanza […]

Pietro Fortuna, "Glory II. Le Lacrime dell'angelo", particolare

Pietro Fortuna, padovano, romano d’adozione, è un artista complesso, che ha riversato nella sua ricerca una lunga formazione in ambito umanistico, nel campo dell’architettura e della filosofia. Da qui il suo immaginario, personalissimo, costellato di immagini dense di rimandi intellettuali, algide come simboli universali: la profondità e il rigore del pensiero danno forma e sostanza all’universo iconico di Fortuna, da cui il timbro emozionale e il fine rappresentativo sono esclusi, in favore di una nuda presenza concettuale ed estetica. Reduce da un’intensa esperienza al Macro, dove nel 2011 ha installato la sua installazione GloryII, Le lacrime dell’angelo, l’artista incontra ora il pubblico romano, all’Auditorium Mecenate, per il quarto appuntamento dei Martedì Critici, nuova edizione capitolina.
Accanto a lui, a discutere di “realismo iniziatico” e di quella “impossibilità della forma” che consegna oggetti e segni a una trasmutazione perpetua, ci saranno Alberto Dambruoso e Marco Tonelli. Su Artribune Television godetevi intanto il video dell’incontro con Felice Levini.

– Helga Marsala

Martedì 17 aprile alle ore 19
Auditorium di Mecenate – Largo Leopardi (via Merulana), Roma
Ingresso libero
[email protected]

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.