L’assoluta posizione di Ian Wilson sull’Assoluto. Cronaca di un’irriproducibile Discussion milanese: più che una conversazione, un monologo. Assoluto

“La Conversazione di oggi è sull’Assoluto”. Così Massimo Minini introduceva la Discussion di Ian Wilson tenutasi ieri, 1 aprile, alla Villa Reale di Milano, ovvero alla Galleria d’Arte Moderna. Impossibile riprendere in video, impossibile registrare, impossibile persino scattare fotografie durante la performance, ma almeno trascrivere sarà lecito? Si prendono appunti, questo il tenore del discorso: […]

Ian Wilson a Milano

La Conversazione di oggi è sull’Assoluto”. Così Massimo Minini introduceva la Discussion di Ian Wilson tenutasi ieri, 1 aprile, alla Villa Reale di Milano, ovvero alla Galleria d’Arte Moderna. Impossibile riprendere in video, impossibile registrare, impossibile persino scattare fotografie durante la performance, ma almeno trascrivere sarà lecito?
Si prendono appunti, questo il tenore del discorso: l’assoluto pervade ogni cosa; l’assoluto è presente in ogni parte della coscienza; la coscienza è assoluta; l’assoluto è ciò che rimane oltre il tangibile; l’esperienza dell’arte è un’esperienza di assoluto; l’assoluto è la coscienza che si raggiunge nell’essere ispirato dall’opera d’arte; nella pura coscienza che si raggiunge nel momento dell’ispirazione artistica gli attributi dell’opera d’arte non esistono più, così come gli attributi della personalità; nel puro stato di coscienza vi è l’assoluto.
Impossibile qualsiasi commento. L’assoluta posizione di Wilson sull’Assoluto è assolutamente non inclusiva di qualsiasi posizione differente. Ma riuscendo a riunire tante persone in una stanza solo per vivere/ascoltare una sua opera d’arte, l’ineffabile Wilson ha dimostrato di avere ragione…

– Giovanna Procaccini

CONDIVIDI
Giovanna Procaccini
Giovanna Procaccini, nata a Napoli, vive a Milano. È laureata in architettura e specializzata in storia dell’arte all’Università degli Studi di Napoli Federico II. È diplomata come addetto alla conservazione e restauro dei dipinti su tela. Critica e curatrice, si occupa d’arte contemporanea in ogni suo aspetto. Ha lavorato come assistente presso la Cardi Galleria d’Arte di Milano e la Galleria Alfonso Artiaco di Napoli. Ha svolto contratti a progetto con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e con la Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Si è occupata di didattica per Progetto Museo e per gli Amici dei Musei - Sezione Giovanile di Napoli. Ha curato mostre di architettura e di artisti emergenti presso spazi pubblici e private gallerie d’arte. È stato consulente tecnico d’ufficio per il Tribunale di Napoli e svolge ruolo di consulente per collezionisti d’arte. Collabora con il tour operator dell’arte Elesta Travel di Milano. Ha collaborato con le piattaforme editoriali Exibart e Zero. Dalla sua fondazione, nel 2011, collabora con Artribune.
  • Domenico Ghin

    Che dire sul tema dell’ Assoluto? E’ un vocabolo intrigante quasi scomodo fra tanta estemporaneità nell’arte, fra ricerca ossessiva di fare tendenza a tutti costi , con il risultato poi anche di perdere il fine fondamentale dell’arte che è quello appunto di cercare l’Assoluto, che è poi è la vera dimensione insita dell’atto artistico, certamente partendo da presupposti storici in cui opera l’ artista ma con la tensione rivolta al superamento del proprio tempo…